Cantiere in area sottoposta a vincolo paesaggistico: quattro denunce

Intevrento dei carabinieri forestali in zona Materdomini, qualificata come area annessa litoranea a boschi e macchie

BRINDISI - I carabinieri forestali della Stazione di Brindisi sono intervenuti a bloccare i lavori in un cantiere edile, risultato del tutto abusivo, nella zona Materdomini, nella periferia Nord di Brindisi, in parte nascosto in una stradina secondaria. Dagli accertamenti è emerso che, su un’ area di 322 metri quadri, sottoposta a vincolo paesaggistico poiché ricadente nella fascia di 300 metri dalla battigia marina, nonché qualificata come area annessa litoranea a boschi e macchie, ai sensi del Piano Paesistico Territoriale Regionale. Inoltre, la proprietà in questione è del Demanio, la cui Direzione Generale non è risultato aver concesso a terzi privati.

Dopo aver esperito tutti questi necessari accertamenti, in tempi rapidi, i Militari hanno quindi proceduto, di iniziativa, a sottoporre a sequestro tutto il cantiere, compresi i mezzi d’ opera utilizzati. Le opere edili realizzate, o in fase di realizzazione, a cui sono stati apposti i sigilli, sono:
una platea in stabilizzato di cava e blocchi di calcestruzzo sulla superficie di 322 metri quadri, un prefabbricato monovano in pannelli coibentati, un prefabbricato monovano in metallo zincato, un prefabbricato pentavani con tubazione di collegamento ad impianto fognario ed elettrico.

Sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Brindisi quattro persone, in concorso di reato: M.F., di anni 48, A.S. di anni 35, D.D., di anni 19, N.D., di anni 28, tutti brindisini. I reati contestati ai quattro sono la realizzazione di interventi edilizi in assenza del prescritto permesso di costruire e di autorizzazione in area sottoposta a vincolo paesaggistico, ai sensi  dell’ art. 44, comma 1, lett. c) del Decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001 (“Testo unico dell’ edilizia e dell’ urbanistica”) e dell’ art. 181, comma 1-bis, lett. a) del Decreto legislativo n. 42 del 2004 (“Codice dei beni culturali e del paesaggio”). Oltre a ciò, le quattro persone sono state deferite per invasione arbitraria di area demaniale, ai sensi degli articoli 633 e 639-bis del Codice Penale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento