rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Sfuma l'apertura di una pescheria, brindisino si lancia dal terzo piano

BRINDISI – Un volo di una dozzina di metri, nel cuore della notte, a quanto pare per una forte delusione legata ad un affare economico. Si lancia nel vuoto dal terzo piano di via Ippolito Nievo, poco dopo passata la mezzanotte e rovinando sull’asfalto si procura lesioni gravissime. Il tentativo di suicidio è stato portato a termine da F.C., 36 anni, sposato con due figli, noto alle forze dell’ordine, probabilmente ossessionato dal fallimento del tentativo di avviare una attività commerciale. Secondo gli investigatori potrebbe esserci un bidone rimediato, che non avrebbe permesso a F.C. di aprire una pescheria, dietro il tentativo di farla finita.

BRINDISI - Un volo di una dozzina di metri, nel cuore della notte, a quanto pare per una forte delusione legata ad un affare economico. Si lancia nel vuoto dal terzo piano di via Ippolito Nievo, poco dopo passata la mezzanotte e rovinando sull'asfalto si procura lesioni gravissime. Il tentativo di suicidio è stato portato a termine da F.C., 36 anni, sposato con due figli, noto alle forze dell'ordine, probabilmente ossessionato dal fallimento del tentativo di avviare una attività commerciale. Secondo gli investigatori potrebbe esserci un bidone rimediato, che non avrebbe permesso a F.C. di aprire una pescheria, dietro il tentativo di farla finita.

Un volo di tre piani, poi la corsa a bordo di un'ambulanza del 118 preceduta da una volante della questura sino all'ospedale Perrino per tentare di strappare alla morte il 36enne brindisino. Ora F.C. è stato ricoverato in rianimazione come politraumazzato, ha numerose fratture e lesioni in varie parti del corpo. Familiari sotto shock, e sgomento tra i vicini di via Nievo, rione S.Angelo, svegliati dalle sirene dell'ambulanza e della polizia.

Sarà il magistrato di turno a stabilire se sull'accaduto vi possano essere responsabilità di terzi, tali da avviare una indagine sulle circostanze - sommariamente riferite dai congiunti - che hanno indotto F.C, a scavalcare il davanzale e a lanciarsi nel vuoto. La perdita del denaro gli avrebbe causato uno stato depressivo grave.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfuma l'apertura di una pescheria, brindisino si lancia dal terzo piano

BrindisiReport è in caricamento