menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si fa ricaricare la postpay, ma non ha i soldi: arrestato per truffa

Nuovo arresto per un truffatore seriale originario della provincia di Bari, entrato in azione in una tabaccheria

FASANO – Si è fatto accreditare sulla post pay 250 euro, ma non aveva con sé denaro contante. Un 43enne originario di Santeramo in Colle (Bari) è stato arrestato in flagranza di reato per truffa dai carabinieri della stazione di Fasano. 

L’uomo dopo essere entrato all’interno di un’attività commerciale bar - tabacchi del centro della città, simulando il possesso di denaro contante, si è fatto accreditare sulla carta “post-pay” di proprietà, quale ricarica, la somma di 250 euro. Avuta la ricarica ha riferito all’esercente che si era accorto di essere sprovvisto di denaro contante, tentando, poi, di allontanarsi senza corrispondere quanto dovuto. La titolare dell’attività ha chiamato i Carabinieri che intervenuti hanno fermato l’uomo ricostruendo l’intera vicenda. L’arrestato, al termine delle formalità rito, è stato rimesso in libertà su disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

Il 43enne non è nuovo a vicende del genere recentemente è stato denunciato in più circostanze in stato di libertà attuando analogo stratagemma. Ovvero, dopo aver richiesto e ottenuto presso le tabaccherie una ricarica sulla sua carta poste–pay, generalmente dell’importo di 250€, al momento di pagare ha dichiarato di essere sprovvisto di denaro contante nella circostanza ha esibito una carta bancomat promettendo alla titolare dell’esercizio di uscire dal locale effettuare un prelievo in una banca lì adiacente e poi rientrare e saldare il debito, fatto che non è mai avvenuto poiché l’uomo si è eclissato. 

Con questo sistema l’uomo ha truffato in provincia di Bari diversi esercizi che effettuano ricariche telefoniche e precisamente a Gioia del Colle, Molfetta e Sannicandro di Bari ed altre ancora. Pertanto individuata la tecnica operativa del truffatore che non è escluso che commetta reati con lo stesso “modus operandi” in ambito provinciale, si invitano i titolari delle attività a prestare la necessaria attenzione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento