menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rocco Andriulo

Rocco Andriulo

Si faceva consegnare denaro fingendosi latitante e armato. Arrestato dalla polizia

BRINDISI – Si presentava come un latitante, e dichiarava di essere armato. Dopo di che pretendeva la consegna del denaro da parte della vittima di turno. Di episodi del genere, il brindisino Rocco Andriulo, di 44 anni, ne avrebbe consumati almeno quattro tra il 2008 ed il 2009, e sulla base del riconoscimento fotografico da parte delle persone che a suo tempo avevano sporto denuncia, ieri è stato arrestato dal personale della squadra mobile di Brindisi e contestualmente assegnato agli arresti domiciliari.

BRINDISI - Si presentava come un latitante, e dichiarava di essere armato. Dopo di che pretendeva la consegna del denaro da parte della vittima di turno. Di episodi del genere, il brindisino Rocco Andriulo, di 44 anni, ne avrebbe consumati almeno quattro tra il 2008 ed il 2009, e sulla base del riconoscimento fotografico da parte delle persone che a suo tempo avevano sporto denuncia, ieri è stato arrestato dal personale della squadra mobile di Brindisi e contestualmente assegnato agli arresti domiciliari.

La svolta nella vicenda è giunta a gennaio, quando Andriulo fu identificato quale autore di uno dei quattro casi che oggi gli vengono contestati dal gip Valerio Fracassi, su richiesta del pm Pierpaolo Montinaro. Il fatto avvenne il 4 novembre 2009 a l quartiere S. Chiara, dove un individuo a bordo di un ciclomotore avvicinò una coppia, e dopo aver recitato la storia del latitante bisognoso di denaro, e soprattutto sostenendo di essere in possesso di una pistola (non mostrata), si fece consegnare 50 euro.

Dopo l'arresto avvenuto a gennaio, la foto apparsa sui giornali ha agevolato il lavoro della polizia, che intanto aveva riaperto altri tre fascicoli di denunce che presentavano molte similitudini con l'episodio del 4 novembre 2009, casi avvenuti l'uno nel febbraio del 2008, gli altri due a maggio e luglio del 2009. Per il fatto del 2008 è stata la vittima a presentarsi spontaneamente in questura, riconoscendo sul giornale Andriulo.

Lo stesso personaggio, nella circostanza dell'arresto del gennaio scorso, aveva ammesso le proprie responsabilità. Adesso per tutti e quattro i casi contestati dal gip, Rocco Andriulo dovrà affrontare una udienza preliminare indagato di estorsione. La decisione di trattenerlo nel frattempo agli arresti domiciliari è stata del giudice delle indagini preliminari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento