Si ferisce alla mano durante la rapina

FASANO – Si è ferito con il taglierino che egli stesso ha usato per minacciare le commesse dalle quali si era fatto consegnare le chiavi della cassaforte, il ragazzo che intorno alle 17 di oggi ha perpetrato una rapina all'interno dell'Ovs di corso Vittorio Emanuele a Fasano. I carabinieri hanno rilevato le tracce ematiche lasciate dal rapinatore vicino alla cassaforte e per strada. Il bottino è in corso di quantificazione anche se la somma sottratta non dovrebbe essere elevata dal momento che la settimana scorsa il centro di abbigliamento è stato chiuso per le ferie estive.

La sede della compagnia carabinieri di Fasano

FASANO – Si è ferito con il taglierino che egli stesso ha usato per minacciare le commesse dalle quali si era fatto consegnare le chiavi della cassaforte, il ragazzo che intorno alle 17 di oggi ha perpetrato una rapina all'interno dell'Ovs di corso Vittorio Emanuele a Fasano. I carabinieri hanno rilevato le tracce ematiche lasciate dal rapinatore vicino alla cassaforte e per strada. Il bottino è in corso di quantificazione anche se la somma sottratta non dovrebbe essere elevata dal momento che la settimana scorsa il centro di abbigliamento è stato chiuso per le ferie estive.

Le due commesse prese di mira dal rapinatore solitario hanno vissuto veri e propri momenti di panico. Da quanto hanno ricostruito i carabinieri della compagnia di Fasano, al comando del capitano Gianluca Sirsi, intorno alle 17, subito dopo l'apertura pomeridiana, un ragazzo con il volto scoperto e armato di taglierino si è introdotto nell'Ovs e avvicinandosi alle due commesse che si trovavano dietro al bancone ha estratto un taglierino e minacciandole si è fatto consegnare le chiavi della cassaforte.

In quel momento nel negozio non c'erano clienti. Le due ragazze, in preda alla paura, non hanno potuto fare altro che eseguire gli ordini. Il rapinatore, però, preso forse anch'egli dal panico, mentre ha aperto la cassaforte si è tagliato perdendo molto sangue. È fuggito a piedi dileguandosi per le vie del centro storico. Non è dato sapere se ad attenderlo ci fosse un secondo complice. L'Ovs non è dotato di sistema di video sorveglianza e in mano agli investigatori, quindi, c'è solo la testimonianza delle due vittime e i rilievi del sangue che ha perso il bandito durante la rapina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel cinema: si è spenta la regista brindisina Valentina Pedicini

  • Polpo da record: giornata di pesca fruttuosa a Lendinuso

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Sgombero da alloggio popolare: la famiglia resiste, sfratto prorogato

  • Covid-19: oltre 10mila i tamponi effettuati. I positivi continuano a crescere

  • Banda delle spaccate scatenata: doppio raid in centro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento