rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca

Si riaccende la torcia del petrolchimico: nuova, impressionante, sfiammata

Nuova sfiammata prodotta nella tarda mattinata di oggi dalla torcia dell'impianto di cracking di Eni Versalis. Impianto in blocco a causa di un'anomalia del quadro elettrico

BRINDISI - Ci risiamo. Dopo l'episodio dello scorso 11 aprile, si è nuovamente attivata la torcia dell'impianto di cracking di Eni Versalis, producendo la solita colonna di fumo avvistata nel raggio di chilometri.

Vite inquinate: "Il commissario blocchi l'impianto"

La sfiammata è iniziata intorno alle ore 12,45 di oggi (28 aprile). Nel giro di pochi minuti sono arrivate in redazione numerose foto scattate dai lettori, da diverse prospettive. Ai vigili del fuoco, contattati dall'azienda, è stato assicurato che la "situazione è sotto controllo". La torcia è rimasta accesa fino alle 13,45 circa. 

Guarda il video

Ennesima sfiammata: le foto dei lettori

Sulla base di quanto previsto dal recente protocollo, Eni Versalis ha informato dell'accensione le autorità locali, fra cui la prefettura e il servizio di Protezione civile comunale, riferendo che la torcia nell'arco delle prossime 5 ore (quindi fino alle 18), dovrebbe accendersi e spegnersi in alternanza, a causa di lavori in corso. I tecnici dell'Arpa Puglia, recatisi subito sul posto per i rilevamenti del caso, sono rimasti all'interno del petrolchimico fino alle ore 18.

Legambiente: "Intervenga la magistratura"

Da quanto appreso dalla stessa Arpa, l'attivazione della torcia sarebbe dovuta a un'anomalia del quadro elettrico che ha provocato il blocco dell'impianto di cracking. A quel punto i residui di combustione sono stati espulsi attraverso la torcia. I dati rilevati dalle centraline dell'Arpa e del petrolchimico saranno elaborati entro la mattinata di lunedì (30 aprile). 

Aggiornato alle ore 18,24

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si riaccende la torcia del petrolchimico: nuova, impressionante, sfiammata

BrindisiReport è in caricamento