menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La cabina dell'autocisterna semidistrutta

La cabina dell'autocisterna semidistrutta

Si ribalta cisterna carica di ceneri Enel -Video

BRINDISI - Parte di un carico di ceneri Enel è finito nei terreni attorno alla litoranea Cerano-Brindisi, a causa del ribaltamento di un'autocisterna avvenuto in curva, per cause in corso di accertamento da parte della polizia municipale del capoluogo.

BRINDISI - Parte di un carico di ceneri Enel è finito nei terreni attorno alla litoranea Cerano-Brindisi, a causa del ribaltamento di un'autocisterna avvenuto in curva, per cause in corso di accertamento da parte della polizia municipale del capoluogo. Il conducente del mezzo pesante, Giovanni Gianfreda, 35 anni, di Galatone, è stato trasportato all'ospedale Perrino. Per lui 30 giorni di prognosi (video).

La cabina di guida dell'autocisterna si è completamente deformata nel ribaltamento, mentre dalla cisterna stessa è fuoriuscita una grossa quantità di ceneri derivate dalla combustione del carbone, che in parte vengono vendute a società greche per la produzione di conglomerati bituminosi e cemento, previo imbarco nel porto di Brindisi (anche i gessi residuo del funzionamento dei denitrificatori).

L'autocisterna, che appartiene alla società di autotrasporto di Pierluigi Forletti, è stata liberata del carico residuo trasferito su un'altra autocisterna, mentre squadre della Nubile Srl hanno provveduto anche alle operazioni di recupero delle ceneri dai terreni e dalla sede stradale. Sul posto i Vigili del Fuoco per il coordinamento delle operazioni, e personale della Asl, oltre al direttore della centrale di Cerano. Le ceneri da carbone sono classificate come rifiuti speciali non pericolosi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento