rotate-mobile
Cronaca Ostuni

Si tuffa in mare per salvare una parente in difficoltà e muore annegato

Ancora una tragedia nelle acque della costa nord del Brindisino: intorno alle 14 di oggi, mercoledì 6 settembre, un 61enne di origini romene, residente in Inghilterra, Gabriel Musat ha perso la vita

OSTUNI – Ancora una tragedia nelle acque della costa nord del Brindisino: intorno alle 14 di oggi, mercoledì 6 settembre, un 61enne di origini romene, residente in Inghilterra, Gabriel Musat ha perso la vita nel tentativo di soccorrere una parente in difficoltà, sembrerebbe la moglie. È accaduto in località Pilone sulla costa ostunese, zona già segnata da tragedie simili per la risacca che si crea quando il mare è agitato. Spesso a perdere la vita sono turisti che non conoscono la pericolosità delle acque quando soffia forte vento. 

L'ultima tragedia nelle acque del Pilone a luglio scorso 

Da quanto ricostruito dai carabinieri della compagnia di Fasano, diretta dal capitano Pierpaolo Pinnelli, il turista  è deceduto per annegamento, forse colto da malore mentre cercava di soccorrere la donna. Anche in questo caso i due bagnanti sono rimasti prigionieri di una forte risacca. La donna è stata soccorsa da altri villeggianti che hanno assistito alla scena ma per il marito non c’è stato nulla da fare. Inutile l’intervento del personale del 118. Nel tardo pomeriggio la salma è stata restituita alla famiglia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si tuffa in mare per salvare una parente in difficoltà e muore annegato

BrindisiReport è in caricamento