rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

"Dateci subito il Rapporto di valutazione del danno sanitario per Brindisi"

Alle prese con il problema dei pareri che il Comune è chiamato ad esprimere in varie procedure che riguardano progetti industriali, il sindaco di Brindisi ha chiesto ad Arpa, Asl e Regione la redazione del "Rapporto di valutazione del danno sanitario"

BRINDISI – Alle prese con il problema dei pareri che il Comune è chiamato ad esprimere in varie procedure che riguardano progetti industriali, il sindaco di Brindisi ha chiesto ad Arpa Puglia, Settore Ambiente della Regione Puglia e dell’Asl di Brindisi la redazione del “Rapporto di valutazione del danno sanitario” per il territorio del capoluogo, ai sensi della legge regionale “Norme a tutela della salute, dell’ambiente e del territorio sulle emissioni inquinanti per le aree pugliesi già dichiarate ad elevato rischio ambientale” numero 21 del 2012.

Brindisi non può non essere dotata nei tempi più solleciti possibili di tale documento tecnico, afferma Consales in una comunicazione inviata oggi ai soggetti interessati, in cui si ricorda che l’Agenzia regionale dei servizi sanitari (Ares), l’Arpa Puglia e l’Asl di Brindisi, con il coordinamento della stessa Arpa, devono redigerlo in maniera congiunta “anche sulla base del registro tumori regionale e delle mappe epidemiologiche sulle principali malattie a carattere ambientale”.

Mimmo Consales “In particolare, nel dicembre del 2012 la Regione Puglia ha inserito il territorio di Brindisi nella nuova zonizzazione del territorio regionale a causa dei carichi emissivi dei livelli di inquinamento. Le criticità, in particolare, riguardano il PM10, il benzopirene e l’ozono. In tale contesto l’amministrazione comunale manifesta forti perplessità e remore nel dovere procedere alla determinazione di pareri e/o provvedimenti autorizzativi di natura ambientale degli stabilimenti industriali che sono soggetti ad Aia”, fa presente Consales.

“Ecco perché insisto nel chiedere che Brindisi venga dotata del ‘Rapporto di valutazione del danno sanitario’ che evidenzi le possibili criticità a cui gli stabilimenti interessati dovranno attenersi”. Il sindaco vuole sapere da Arpa Puglia quali sono i tempi previsti per la redazione del rapporto, per poter garantire nelle attività istituzionali la tutela “della salute e dell’ambiente”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dateci subito il Rapporto di valutazione del danno sanitario per Brindisi"

BrindisiReport è in caricamento