menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sisma: arriva la chiamata per il vigili del fuoco di Brindisi. Domenica la partenza

Dopo tre giorni di preallerta, è arrivata la chiamata. Partiranno domenica (28 agosto) alla volta delle zone devastate dal sisma nove vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi, a bordo di due mezzi

BRINDISI – Dopo tre giorni di preallerta, è arrivata la chiamata. Partiranno domenica (28 agosto) alla volta delle zone devastate dal sisma nove vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi, a bordo di due mezzi. La squadra darà il cambio ai colleghi del comando provinciale di Foggia, intervenuti  sul luogo del disastro fin dalla mattinata di mercoledì (24 agosto).

I pompieri brindisini opereranno insieme a centinaia di soccorritori provenienti da tutta Italia per estrarre i corpi privi di vita ancora sepolti sotto alle macerie, nella speranza (sempre più remota) di trovare dei superstiti. Il terremoto ha seminato morte e distruzione fra Umbria, Lazio e Marche. Il bilancio delle vittime, ancora provvisorio, è salito a 184, stando ai dati comunicati dal dipartimento di Protezione Civile. Il paese più colpito è stato Amatrice, dove dai ruderi degli edifici crollati finora sono stati recuperati 224 cadaveri. Ad Accumuli ed Arquata del Tronto si registrano rispettivamente 11 e 48 decessi.

La Protezione Civile ha allestito 44 centri di accoglienza che danno ospitalità a circa 2500 sfollati. Dagli ospedali della zona sono passati 388 feriti. Nella giornata odierna, segnata dal lutto nazionale, si celebreranno i primi funerali presso la chiesa di Ascoli. Alle esequie parteciperanno il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi. Il primo in mattinata ha raggiunto in elicottero Amatrice, ringraziando per i soccorritori per lo spirito di sacrificio mostrato in questi giorni.

Sul fronte giudiziario, la Procura di Ascoli Piceno ha aperto un fascicolo di indagine a modello 45 (atti non costituenti reato), volto a consentire accertamenti legali. E intanto lo sciame sismico non si arresta. La scorsa notte si è registrata una scossa di magnitudo 4.0 alle ore 4:50 fra Castelluccio di Norcia (Perugia) e Montegallo (Ascoli Piceno), non lontano da Arquata del Tronto (Ascoli Piceno). L'ipocentro è a 8 km di profondità.

E' in questo scenario che agiranno i vigili del fuoco brindisini, che hanno già dato il loro contributo in gran parte delle calamità della storia recente, fra cui il terremoto dell'Aquila del 2009.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento