Cronaca

Slitta il processo a 5 spacciatori di Ceglie

CEGLIE MESSAPICA – Difetto di notifica per l’imputato Giuseppe Palmisano, 52 anni, di Fasano, difeso dall’avvocato Francesco Saponaro, ed il processo ad un gruppo di presunti spacciatori di Ceglie Messapica è slittato al 17 novembre. Il processo avrebbe dovuto essere incardinato dinanzi al tribunale in composizione collegiale presieduto da Gabriele Perna. Sei gli imputati. Oltre al fasanese Palmisano, sono chiamati a rispondere di spaccio di sostanze stupefacenti Rocco Suma, 25 anni, difeso dal’avv. Danilo Cito; Armando Bellanova, 51 anni, Daniele Bellanova, 24 anni, difesi dall’avvocato Aldo Gianfreda, Rocco Conte, 27 anni, difeso dall’avv. Cosimo Deleonardis, e Francesco Urgesi, 40 anni, difeso dall’avvocato Franco Larocca.

CEGLIE MESSAPICA - Difetto di notifica per l'imputato Giuseppe Palmisano, 52 anni, di Fasano, difeso dall'avvocato Francesco Saponaro, ed il processo ad un gruppo di presunti spacciatori di Ceglie Messapica è slittato al 17 novembre. Il processo avrebbe dovuto essere incardinato dinanzi al tribunale in composizione collegiale presieduto da Gabriele Perna. Sei gli imputati. Oltre al fasanese Palmisano, sono chiamati a rispondere di spaccio di sostanze stupefacenti Rocco Suma, 25 anni, difeso dal'avv. Danilo Cito; Armando Bellanova, 51 anni, Daniele Bellanova, 24 anni, difesi dall'avvocato Aldo Gianfreda, Rocco Conte, 27 anni, difeso dall'avv. Cosimo Deleonardis, e Francesco Urgesi, 40 anni, difeso dall'avvocato Franco Larocca.

Tutti questi imputati sono di Ceglie Messapica e rispondono di spaccio di sostanze stupefacenti. Urgesi è accusato anche di rapina per essersi introdotto, il 30 maggio del 2005, nel tabacchino di Gabriella Chirulli, a Ceglie Messapica, volto parzialmente coperto e armato di coltello, impossessandosi di cento euro. I fatti risalgono agli anni 2005/07. I carabinieri bloccarono alcuni tossicomani cegliesi e cominciarono a risalire a una serie di persone che spacciavano droga a Ceglie Messapica. La maggior parte gente del posto e già nota alle forze dell'ordine. Uno (Palmisano) arrivava in trasferta a Ceglie per piazzare la merce. Merce consistente in hashish, eroina e in alcune occasioni anche cocaina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Slitta il processo a 5 spacciatori di Ceglie

BrindisiReport è in caricamento