rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca

Soccorso bagnanti, secondo test

BARI - "A partire da oggi, sarà nuovamente avviata la sperimentazione di Emersanmare, il sistema regionale di emergenza e soccorso sanitario in mare, nato in collaborazione con l'assessorato regionale alla Sanità". Lo ha annunciato l'assessore alla Protezione civile, Fabiano Amati.

BARI - "A partire da oggi, sarà nuovamente avviata la sperimentazione di Emersanmare, il sistema regionale di emergenza e soccorso sanitario in mare, nato in collaborazione con l'assessorato regionale alla Sanità". Lo ha annunciato l'assessore alla Protezione civile, Fabiano Amati.

"Abbiamo sottoscritto infatti - ha spiegato Amati - una convenzione con tre associazioni di volontariato di Protezione civile e con la Lega Navale Italiana per l'immediata attivazione della fase sperimentale di quest'anno, che durerà fino alla fine del mese di settembre e che potrà contare su 13 diversi presidi in altrettanti comuni pugliesi e su tre idroambulanze e dieci idromoto, tutte munite di attrezzatura per il soccorso sanitario a bordo".

"Il nostro obiettivo è quello di far diventare Emersanmare un servizio ordinario e costante in mare ma per riuscire a far questo, abbiamo la necessità - ha aggiunto l'assessore regionale alla protezione civile - di mettere prima a punto la macchina organizzativa delle segnalazioni e dei soccorsi, nonchè di raccordare tutti i soggetti interessati, dagli operatori di Protezione civile e del 118 alle autorità marittime".

La fase sperimentale di Emersanmare è partita già l'anno scorso, sempre nel mese di agosto; in tutto sono circa 60 i volontari formati e costantemente aggiornati sul soccorso sanitario in mare. A partire da oggi, dunque, giovedì 9 agosto, ed entro i prossimi due giorni, saranno attivate 13 postazioni Emersanmare, operative dalle ore 9.00 alle ore 19.00, nei comuni di Isole Tremiti - San Domino, Lesina Marina, Rodi Garganico, Margherita di Savoia, Bisceglie, Giovinazzo, Bari, Polignano a Mare, Monopoli, Fasano - Savelletri, Otranto, Porto Cesareo e Castellaneta Marina.

La localizzazione dei presidi è stata stabilita in base ad una serie di condizioni relative alla presenza territoriale delle associazioni e dei relativi operatori specificamente formati per la gestione dei mezzi, alla possibilità di ospitare a titolo gratuito le squadre di operatori, all'esigenza di attivare la sperimentazione integrata per lunghi tratti di costa afferenti postazioni tra loro vicine, cercando di sperimentare la continuità di un servizio costiero e all'esigenza di attivare la sperimentazione anche nell'area del Salento, dove l'anno scorso, con le 11 postazioni attivate, non era stato possibile svolgere le attività di Emersanmare.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soccorso bagnanti, secondo test

BrindisiReport è in caricamento