rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca

"Sono sfuggito ad un agguato"

CAROVIGNO – Un ragazzo di 20 anni di Carovigno, noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio e spaccio, sarebbe sfuggito un paio di settimane fa ad un agguato.

CAROVIGNO - Un ragazzo di 20 anni di Carovigno, noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio e spaccio, la notte tra il 4 e il 5 novembre scorso sarebbe stato avvicinato da due individui in moto che gli avrebbero esploso contro alcuni colpi di fucile a canne mozze. Il giovane sarebbe riuscito a dileguarsi schivando i colpi. Indagini in corso dei carabinieri a cui la presunta vittima si è rivolta dopo il tentativo di omicidio.

Una vicenda, però, avvolta nel mistero. In mano agli investigatori, infatti, ci sarebbe solo la versione fornita dal giovane. Sul posto non sarebbero state trovate cartucce o elementi che testimoniassero la sparatoria e non ci sarebbero fotogrammi che hanno catturato la scena nonostante la zona dove si sarebbe verificata la sparatoria, pieno centro a Carovigno, è piena di telecamere. Il ventenne subito dopo il fatto si è recato in caserma raccontando l'accaduto, non ha richiesto l'interevento dei carabinieri sul posto, avrebbe anche riconosiuto i presunti killer dalla voce e da un tatuaggio.

Ma questa resta sempre la sua versione. I militari della compagnia di San Vito unitamente ai colleghi del Nucleo investigativo della compagnia di Brindisi hanno comunque avviato le indagini per fare chiarezza sulla vicenda e individuare eventualmente i responsabili. La notizia della vicenda è stata resa nota solo oggi.

 

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sono sfuggito ad un agguato"

BrindisiReport è in caricamento