menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torre Guaceto, con la barca nell'area marina protetta: denunciato

Sorpreso a bordo una barca nella "zona A" dell'Area Marina Protetta di Torre Guaceto, denunciato un diportista. Si è conclusa così un'altra operazione di polizia marittima a tutela dell'ambiente marino condotta dal personale della Capitaneria di porto di Brindisi

BRINDISI – Sorpreso a bordo una barca nella “zona A” dell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto, denunciato un diportista. Si è conclusa così un’altra operazione di polizia marittima a tutela dell’ambiente marino condotta dal personale della Capitaneria di porto di Brindisi, sotto la direzione del comandante, il capitano di vascello Salvatore Minervino. L’intervento risale alla mattinata di ieri, mercoledì 3 agosto, ed è stato operato grazie alla segnalazione di alcuni bagnanti che hanno notato la presenza di una barca in una zona “vietata” della Riserva. Precisamente nello specchio acqueo antistante gli scogli di Apani, “zona particolarmente delicata per la presenza di praterie di posidonia e per le pregiate specie ittiche esistenti”, si legge in una nota della Capitaneria.  

Al termine dell’attività di controllo il diportista è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Brindisi per aver violato i rigorosi divieti di navigazione vigenti all’interno del sito marino protetto.

“Si ricorda che nella zona “A” all’interno dell’area di riserva integrale, è assolutamente vietata, la balneazione, la navigazione, l’ancoraggio e qualsivoglia attività legata agli usi del mare, come disposto dal Regolamento dell’area marina di Torre Guaceto istituita con Decreto Ministeriale del 26.01.2009 a tutela del delicato ecosistema marino”.  

“L’attività di pattugliamento della Guardia costiera continuerà comunque regolarmente al fine di vigilare sulle attività ludico-turistiche e sulla sicurezza in mare.  Si ricorda che per eventuali segnalazioni, sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il numero di centralino della Sala Operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530 (servizio gratuito)”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento