menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Multe in corso Roma

Multe in corso Roma

Sosta selvaggia, quattro rimozioni

BRINDISI – Prosegue la lotta dei vigili urbani di Brindisi ai fenomeni della sosta e fermata irregolari, soprattutto in città.

BRINDISI - Prosegue la lotta dei vigili urbani di Brindisi ai fenomeni della sosta e fermata irregolari, soprattutto in città. Nella giornata di oggi, gli agenti di polizia municipale hanno rimosso con il carro attrezzi quattro automobili in sosta su altrettanti attraversamenti pedonali.

"Quest'ultima grave condotta - si legge in un comunicato stampa diramato dal comandante della polizia municipale, Teodoro Nigro - ricorrente tanto in centro quanto in periferia, espone a rischi, come più volte comunicato, i pedoni ovvero gli anziani ed intere famiglie che beneficiando della circolazione pedonale, sono posti a rischio ove marciapiedi e 'strisce zebrate' non siano loro disponibili".

I controlli, concentratisi soprattutto negli orari di punta della circolazione cittadina, hanno prodotto inoltre 15 verbali, il cui importo oscilla da 41 euro a 155 euro, per una serie di violazione al codice della strada riscontrate in alcuni tratti ad altissima frequenza veicolare: via Appia, via Cappucci, corso Roma e corso Umberto nei due tratti di zona a traffico limitato.

Alcuni controlli di veicoli a due ruote sono tutt'ora in corso nell'ambito di un'attività a largo raggio relativa alla presenza di ciclomotori e biciclette in sosta sui marciapiedi, in alcuni punti della città vicini alla stazione ferroviaria . "L'avvicinarsi, ancor più, del periodo festivo - conclude il comandante Nigro - non può non obbligare a raccomandare un maggior rispetto delle norme relative alle elementari regole di guida espresse dalla segnaletica, orizzontale e verticale".

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento