rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca San Donaci / Via Walter Tobagi

Spaccio di droga in un circolo privato: nei guai il presidente

Sorpreso con cocaina e hascisc il presidente del circolo privato che fece da scenario all'omicidio di Antonio Presta

SAN DONACI – Era stato trasformato in luogo di  spaccio il circolo privato situato in via Walter Tobagi, nel Comune di San Donaci, che nel settembre 2012 fece da scenario all’omicidio di Antonio Presta. I carabinieri della locale stazione al comando del luogotenente Francesco Lazzari nella giornata di ieri (20 marzo) si sono recati all’interno del locale.

Il presidente del circolo, il 33enne A.B., del posto, sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di cinque grammi di cocaina suddivisi in 13 dosi. Cinque di queste sono state rinvenute nella tasca dei suoi pantaloni. Le altro otto si trovavano nel cestino dei rifiuti collocato nel bagno. Sempre nella tasca dei pantaloni del 33enne, i carabinieri hanno trovato 200 euro in banconote di piccolo taglio, ritenute provento di spaccio.

Ai carabinieri non è sfuggito il fatto che il circolo fosse dotato di impianto di videosorveglianza, finalizzato anche a selezionare chi vi accede, nonché di una robusta inferriata. Dopo aver terminato con il circolo, le forze dell’ordine hanno perquisito anche la casa del presidente, dove sono stati trovati altri tre grammi di hascisc suddivisi in cinque dosi, nascoste in un armadio nella camera da letto.

Il tutto è stato sottoposto a sequestro. Il presidente del circolo, arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, è tornato subito in libertà. Da quanto appurato dai carabinieri, lo stesso circolo in passato era già stato coinvolto in episodi legati allo spaccio di droga. Nelle prossime ore, il comandante della stazione dell'Arma inoltrerà richiesta di chiusura del circolo sia al prefetto di Brindisi che al sindaco di San Donaci. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio di droga in un circolo privato: nei guai il presidente

BrindisiReport è in caricamento