menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio di droga, patente revocata: Tribunale accoglie ricorso

Il giudice dispone l’annullamento del decreto del prefetto in favore di un brindisino

BRINDISI – Il Tribunale di Lecce ha annullato il decreto con il quale il prefetto di Brindisi tre anni fa revocò la patente di guida a un brindisino, in seguito a diverse condanne con l’accusa di spaccio di droga. E ha disposto la restituzione della patente.

La pronuncia

daniela d'amuri-13Il giudice Francesca Caputo nella giornata di ieri, 2 marzo 2018, ha accolto il ricorso presentato e discusso dall’avvocato Daniela d’Amuri (nella foto accanto) nell’interesse di Angelo Lobuono, brindisino, di fatto rimasto senza patente dopo il provvedimento adottato il 24 giugno 2015 dal prefetto di Brindisi secondo le disposizioni contenute dell’articolo 120 del Codice della Strada. La penalista ha sostenuto che la patente di guida fosse necessaria quotidianamente per il lavoro del brindisino.

Il ricorso

La penalista aveva presentato ricorso dapprima in Tribunale a Brindisi, ma in quella sede si era costituita l’Avvocatura dello Stato e di conseguenza, la competenza era passata a Lecce. Ieri la pronuncia in accoglimento del ricorso, con conseguente restituzione della patente al brindisino, per effetto dell’annullamento del decreto prefettizio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento