Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca

Spaccio di eroina e furto di energia elettrica: in quattro nei guai

Hanno tentato di disfarsi di un involucro di eroina gettandolo nel water, ma i poliziotti del commissariato di Ostuni li hanno fermati prima che tirassero lo sciacquone. Dovranno rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente 4 persone

Foto di repertorio

OSTUNI – Hanno tentato di disfarsi di un involucro di eroina gettandolo nel water, ma i poliziotti del commissariato di Ostuni li hanno fermati prima che tirassero lo sciacquone. Dovranno rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente tre stranieri e una persona residente a Francavilla che risiedono in un appartamento nel centro della Città Bianca. Gli uomini della squadra Volante e della polizia giudiziaria da giorni tenevano d’occhio quell’appartamento, avendo notato un insolito via vai di persone. 

Nutrendo dei sospetti, quindi, i poliziotti hanno deciso di fare irruzione. Dopo aver sentito il rumore di passi provenienti dalla tromba delle scale, uno dei quattro inquilini ha tentato, come detto, di gettare un involucro di eroina nel water. Ma tale tentativo di disfarsi della droga si è rivelato del tutto vano. 

Nel corso di una perquisizione personale e domiciliari poi sono stati rinvenuti 2 grammi di eroina, suddivisa in dosi da spaccio, un bilancino elettrico di precisione e un flaconcino contenente metadone, senza che fosse rintracciata alcuna prescrizione medica di rito.

Inoltre è emerso che gli inquilini consumassero energia elettrica, nonostante il contatore fosse formalmente staccato. Per questo i due rumeni che risultano intestatati dell’immobile sono stati denunciati a piede libero anche per furto di energia elettrica. 

Al termine degli accertamenti, sono stati denunciati: P.I.L., 32 anni, originario della Romania, B.G., 29 anni, rumeno;  Q.F., 36 anni, albanese;  P.A., 23 anni, di Francavilla Fontana. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio di eroina e furto di energia elettrica: in quattro nei guai

BrindisiReport è in caricamento