menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio sul litorale salentino: due pusher sorpresi con coca e hascisc

Arresto in flagranza a Torre Lapillo. Sorpresi mentre cedevano dosi di droga ai loro clienti un 41ene di Veglie e un 60enne di San Pancrazio Salentino

SAN PANCRAZIO SALENTINO – Sono ritenuti “soci” nell’attività di spaccio di sostanze stupefacenti un 41enne originario di Veglie e residente a Torre Lapillo, Andrea Leone, e un 60enne residente a San Pancrazio Salentino, Salvatore Giovanni Schito (foto a destra), che la notte fra sabato 28 e domenica 29 ottobre sono stati arrestati in flagranza di reato dai carabinieri della compagnia di Campi Salentina (Lecce). 

Da tempo i militari avevamo notato un insolito via va di auto nei pressi dell’abitazione di Leone. All’imbrunire di sabato, le forze dell’ordine si sono appostate all’esterno della casa. Dopo aver notato e documentato diverse cessioni, i militari sono entrati all’interno dell’abitazione. Alla vista degli uomini in divisa, Schito ha cercato di far sparire della sostanza stupefacente nascosta inschito giovanni salvatore1-2 un pacchetto di sigarette, gettandola nel giardino e calpestandola. Ma i carabinieri non si son fatti ingannare e al termine di un’accurata perquisizione domiciliari hanno sequestrato 6 grammi di cocaina suddivisa in dosi, già pronte allo smercio, e 10 grammi di hascisc, anch’esso pronto per essere ceduto.

I due, grazie all’attività di indagine che ha documentato le cessioni, dalle quali emerge palesemente che i due fossero “soci” per la vendita della droga nonché per il quantitativo, di 2 tipologie di stupefacente, e la suddivisione in dosi, sono stati arrestati: Leone agli arresti domiciliari, mentre Schito è stato condotto presso il carcere di Lecce. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento