Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Via Benvenuto Cellini

Sparatoria al Sant'Elia: fuori pericolo uno dei due gambizzati

Non corre pericolo di vita la vittima che aveva avuto la peggio nella sparatoria avvenuta ieri pomeriggio (30 maggio) in via Benvenuto Cellini, al rione Sant'Elia. Cosimo Iurlaro, 45 anni, si trova ricoverato nel reparto di Chirurgia Vascolare

BRINDISI – Non corre pericolo di vita la vittima che aveva avuto la peggio nella sparatoria avvenuta ieri pomeriggio (30 maggio) in via Benvenuto Cellini, al rione Sant’Elia. Cosimo Iurlaro, 45 anni, si trova ricoverato nel reparto di Chirurgia Vascolare dell’ospedale Perrino di Brindisi. Nel pomeriggio era stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico. L’uomo, colpito da due proiettili (uno per gamba), aveva perso molto sangue. Le sue condizioni sembravano critiche quando è stato trasportato in Pronto soccorso, ma i sanitari del nosocomio brindisino sono riusciti a bloccare l'emorragia, scongiurando gravi conseguenze.

E’ stata ricoverata nel reparto di Ortopedia, invece, l’altra persona investita dalla pioggia di fuoco: il 58enne Giuseppe Caputo. Ferimento S.Elia, via CelliniQuest’ultimo, da quanto appreso, è stato raggiunto da un solo proiettile, sempre alla gamba. Le sue condizioni non hanno mai destato particolare preoccupazione, visto che era vigile e cosciente quando il personale del 118 è giunto sul posto per prestargli i primi soccorsi.

C’è poi il giallo di un terzo ferito. Lungo il marciapiede antistante alla scena del crimine (lo spazio compreso fra il cortile perimetrale e il cancello di ingresso di una palazzina al civico 29 B) è stata individuata una scia di sangue lunga una ventina di metri che si perde in un vasto appezzamento invaso dalle sterpaglie. Era il sangue di Iurlaro o di un’altra persona che non è giunta in ospedale? Questo è uno dei tanti dubbi di una vicenda avvolta dalle nebbie.

Ferimento S.Elia, rilievi in via Cellini-2Sono pochi, al momento, i punti fermi delle indagini condotte dai carabinieri del Reparto operativo coordinati dal tenente colonnello Alessandro Colella e dai colleghi della compagnia di Brindisi e del Norm diretti rispettivamente dal capitano Luca Morrone e dal tenente Luca Colombari. Di certo c’è che la sparatoria è avvenuta intorno alle ore 16. Iurlaro e Caputo si trovavano vicino a una Opel Antara parcheggiata di fronte al condominio quando sono stati avvicinati dal commando. Non si sa in quanti abbiano aperto il fuoco né se abbiano agito a piedi o a bordo di un veicolo. Si presume che a sparare sia stata una sola persona che impugnava una pistola semiautomatica, accompagnata da almeno un altro complice. 

Subito dopo l’azione delittuosa, i delinquenti si sono dileguati per le vie limitrofe. Iurlaro è stato immediatamente accompagnato in ospedale. Caputo ha seguito lo stesso percorso qualche minuto dopo. Le forze dell’ordine hanno ritrovato almeno 4 bossoli di una pistola 7,65: tre di fronte al portone di ingresso del palazzo, disposti come se formassero i vertici di un triangolo; uno sull’asfalto, a pochi centimetri dal vano posteriore dell'Antara.

Il tentativo di raccogliere qualche testimonianza si è rivelato del tutto vano. Decine di famiglie risiedono in quelle che sono conosciuteBossolo sparatoria via Benvenuto Cellini-2 come le case parcheggio di via Benvenuto Cellini (uno stabile realizzato anni fa per ospitare le persone che abusivamente avevano occupato l’ex collegio navale), ma nessuno ha visto nulla. Non solo. Neanche le due vittime, ascoltate dagli investigatori, pare abbiano fornito elementi utili. E allora bisognerà cercare di ricostruire l’accaduto attraverso le telecamere (non molte per la verità) installate lungo le direttrici che si diramano da via Benvenuto Cellini, una strada degradata del rione Sant'Elia confinante con terreni di campagna incolti.

Il movente per adesso è un enigma. Si va dalla vendetta scaturita da un dissidio per futili motivi (non sarebbe la prima volta, del resto, che a Brindisi si regolano col piombo delle liti causate da questioni di poco conto), a un regolamento di conti inquadrabile in un contesto malavitoso, visto che entrambi i feriti erano già noti alle forze dell’ordine. Per ora, ad ogni modo, è difficile formulare delle ipotesi concrete. Nelle ultime ore sono stati ascoltati parenti, famigliari e persone vicine alle vittime. I carabinieri stanno lavorando a ritmo serrato per piazzare i primi tasselli dell’intricato mosaico investigativo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparatoria al Sant'Elia: fuori pericolo uno dei due gambizzati

BrindisiReport è in caricamento