rotate-mobile
Cronaca

Spari al mercato, Camon resta dentro

BRINDISI – Leonardo Camon, il 43enne arrestato lunedì scorso per aver esploso due colpi di pistola nel vuoto al mercato di piazza Santa Maria Ausiliatrice, dopo una lite con un 40enne brindisino, resta in carcere. Lo ha deciso il gip.

BRINDISI - Leonardo Camon, il 43enne arrestato lunedì scorso per aver esploso due colpi di pistola nel vuoto al mercato di piazza Santa Maria Ausiliatrice, dopo una lite con un 40enne brindisino, resta in carcere. Oggi l'uomo è stato ascoltato dal giudice per le indagini preliminari Paola Liaci, alla presenza del suo legale di fiducia Daniela D'Amuri.

Camon ha fornito la sua versione dei fatti ma sulla vicenda si mantiene lo stretto riserbo essendo in corso un'attività investigativa da parte degli agenti della squadra mobile della questura di Brindisi. Il gip ha convalidato l'arresto confermando anche la misura cautelare. Non è prevista richiesta di scarcerazione al tribunale del Riesame. Camon resta in carcere per motivi legati alle indagini.

Sembrerebbe che la lite con il 40enne di Brindisi O.T. sia nata per questioni di natura sentimentale. "Un equivoco" (lo definisce così il legale di fiducia dell'arrestato) che si è concluso, però, con una sparatoria fortunatamente senza feriti. Camon era andato all'incontro con il rivale con una pistola calibro 7,62 e quando gli animi si sono scaldati, sembrerebbe sia stato accusato di avere una relazione con la moglie del rivale, ha estratto la pistola e ha sparato sull'asfalto.

È stato subito rintracciato dai poliziotti e arrestato per spari in luogo pubblico e detenzione illegale di arma da fuoco ma a quanto pare le indagini della Mobile non si sono concluse con l'arresto dello sparatore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spari al mercato, Camon resta dentro

BrindisiReport è in caricamento