rotate-mobile
Cronaca

Spari al mercato, scatta l'arresto

BRINDISI – Dovrà rispondere di porto e detenzione illegale di arma da sparo e spari in luogo pubblico il 43enne brindisino che questa mattina durante un litigio con un 40enne ha esploso due colpi di pistola sull'asfalto. Si tratta di Leonardo Camon.

BRINDISI - Dovrà rispondere di porto e detenzione illegale di arma da sparo e spari in luogo pubblico il 43enne brindisino che questa mattina durante un litigio con un 40enne ha esploso due colpi di pistola sull'asfalto. L'uomo è stato fermato subito dopo dai poliziotti e arrestato. Si tratta di Leonardo Camon, volto già noto alle forze dell'ordine per diversi reati.

La lite che poi si è conclusa con la sparatoria, che fortunatamente non ha provocato vittime, è scoppiata nei pressi del mercato di Santa Maria Ausiliatrice al quartiere Sant'Angelo poco dopo le nove di questa mattina. Da quanto hanno ricostruito i poliziotti della squadra mobile della Questura di Brindisi diretta dal vice questore Alberto Somma, giunti sul posto insieme agli agenti della sezione Volanti, al comando del vice questore Alberto D'Alessandro, i due litiganti si sarebbero incontrati, forse su appuntamento, tra le bancarelle di frutta e verdura per chiarire "questioni personali".

I poliziotti escludono moventi legati alla criminalità. Entrambi erano accompagnati da due donne, uno dalla sorella e l'altro dalla moglie. Uno dei due, il 40enne O.T., avrebbe iniziato a colpire il suo avversario con un ombrello, in risposta, colui che poi è finito in manette, ha estratto una pistola calibro 7,62 di fabbricazione slava, esplodendo due colpi puntando l'arma verso il basso.

A quel punto è scoppiato un fuggi fuggi generale. Qualcuno ha avvisato il 113, una pattuglia in servizio anti-rapina era proprio nei pressi del mercato. Lo sparatore è stato subito raggiunto e bloccato. Aveva ancora l'arma fumante con sè. Colui con cui aveva litigato si è dato alla fuga ma anch'esso è stato rintracciato in poco tempo. Entrambi sono finiti in questura per essere ascoltati dai poliziotti. Dopo le formalità di rito, su disposizione del pubblico ministero di turno Milto De Nozza, il 43enne Leonardo Camon è stato tratto in arresto e trasferito nel carcere circondariale di via Appia in attesa di comparire davanti al gip.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spari al mercato, scatta l'arresto

BrindisiReport è in caricamento