Cronaca

Spazio ai condannati nei lavori pubblici: il Comune aderisce a "Ultimamente"

Anche il Comune di Brindisi aderisce a un progetto del ministero della Giustizia, battezzato "Ultimamente", che prevede l'impiego non retribuito (con prescrizione del relativo divieto) in lavori di pubblica utilità di massimo 10 persone condannate, e nel caso in cui il Giudice commini tale pena nelle circostanze previste dalla legge

BRINDISI – Anche il Comune di Brindisi aderisce a un progetto del ministero della Giustizia, battezzato “Ultimamente”, che prevede l’impiego non retribuito (con prescrizione del relativo divieto) in lavori di pubblica utilità di massimo 10 persone condannate, e nel caso in cui il Giudice commini tale pena nelle circostanze previste dalla legge. L’adesione arriva su direttiva del sindaco Mimmo Consales. 

“E' stabilito – si legge in un comunicato del Comune - che l'impiego avvenga nei servizi di supporto ai soggetti in situazione di svantaggio, nel riordino degli archivi, in compiti di custodia e manutenzione del patrimonio comunale”.

La convenzione triennale è stata sottoscritta, su delega, dal presidente del Tribunale Domenico Cucchiara e dal dirigente comunale Angelo Roma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spazio ai condannati nei lavori pubblici: il Comune aderisce a "Ultimamente"

BrindisiReport è in caricamento