rotate-mobile
Cronaca

Stabilimenti balneari, sequestri e denunce. Multati anche diportisti

Controlli della Guardia Costiera lungo il litorale di Ostuni: denunciati i titolari. Scoperti anche lidi senza bagnini, contestati scarichi non regolari. Multati i diportisti per violazioni dell'ordinanza di sicurezza: erano troppo vicini alla riva

BRINDISI - Ombrelloni e lettini su area demaniale, senza autorizzazione e per questo abusivi. E ancora lidi senza bagnini e scarichi fuori norma. Tutto lungo il litorale di Ostuni, oggetto degli ultimi controlli posti in essere dalla Guardia di Costiera, con conseguenti sequestri e denunce per i titolari.

CPBR_04082017_2-2

Le verifiche sono state svolte il 3 e il 4 agosto. sono emersi illeciti legati al non corretto trattamento dei reflui provenienti da un esercizio commerciale di noleggio attrezzature balneari su una proprietà privata: al titolare è stata comminata una sanzione amministrativa pari  15.500. I controlli sono proseguiti su altri esercizi commerciali analoghi, insistenti sempre su proprietà privata: due sono risultati inadempienti alle prescizioni dell’ordinanza di sicurezza balneare che prevede l’obbligo di predisporre il servizio di salvamento, ma non c'erano i bagnini. In questo caso i rispettivi titolari sono stati diffidati ad adempiere e sanzionati con multa pari a 3.098 euro.

Il giorno successivo, a seguito di segnalazioni pervenute, i militari della Guardia Costiera, già appostati in borghese sulla spiaggia dal primo mattino, hanno accertato che, i titolari di due distinte attività commerciali di noleggio attrezzature balneari su area privata posizionavano ordinatamente lettini ed ombrelloni prima che avvenisse la transazione commerciale, impedendo così la libera fruizione della spiaggia. A questo punto, sono intervenuti contestando il reato di abusiva occupazione di area demaniale, provvedendo a sgomberare l’area illecitamente ed arbitrariamente occupata ed a restituirla alla libera fruizione da parte di bagnanti e turisti. D'intesa con la competente Autorità Giudiziaria, nella persona del sostituto procuratore Giuseppe de Nozza, le attrezzature balneari sono state sottoposte a sequestro penale mentre i responsabili sono stati deferiti a piede libero per le violazioni riscontrate.

In mare, i battelli veloci GC B18 e B48, che nel corso dell’operazione affiancano e coadiuvano le motovedette CP263, CP 578, CP720 e GC A94, hanno provveduto a sanzionare numerosi diportisti per illeciti connessi a violazioni dell’ordinanza di sicurezza. Per qualsiasi segnalazione  sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il numero di centralino della sala operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica so.cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stabilimenti balneari, sequestri e denunce. Multati anche diportisti

BrindisiReport è in caricamento