rotate-mobile
Cronaca

Stalking ai danni del compagno dell’ex moglie: condannato

Tre anni e quattro mesi inflitti a un brindisino ritenuto colpevole anche di violenza privata

BRINDISI -  Stalking e violenza privata ai danni del compagno della sua ex moglie: un brindisino è stato riconosciuto colpevole dal gup di fronte al quale è stato incardinato il processo in abbreviato, con condanna alla pena di tre anni e quattro mesi di reclusione, oltre al pagamento dei danni lamentati dalla parte civile.

La sentenza

La sentenza è stata pronunciata lo scorso 27 febbraio dal gup del Tribunale di Brindisi, chiamato a pronunciarsi sulla posizione dell’imputato che, in relazione alle accuse, venne sottoposto alla misura cautelare dell’arresto in carcere, per evitare la reiterazione dei reati.

La vicenda, stando a quanto emerge dagli atti processuali, nasce nel 2015, quando l’imputato  viene lasciato dalla moglie. La donna chiede il divorzio, ma lui  “non avendo accettato la fine  della relazione sentimentale, poneva in essere una serie di atti persecutori ai danni della donna”. La vicenda si sarebbe aggravava ulteriormente dopo che la stessa, a distanza di mesi dalla fine del suo matrimonio instaurava una relazione un altro uomo.

L’accusa

 Da quel momento l’uomo sarebbe diventato bersaglio dell’imputato. Stando al capo di imputazione, per il quale è stato disposto il rinvio a giudizio, “ il brindisino poneva in essere numerosi atti persecutori e molestie mediante pedinamenti, inseguimenti, minacce, aggressioni verbali e fisiche, durati per due anni, tali da determinare nella vittima, un perdurante e grave stato di ansie, ed  ingenerare un fondato timore per la propria incolumità, costringendo la stessa ad alterare le proprie abitudini di vita”. Sono anche intervenuti i carabinieri della stazione dei carabinieri di Cellino San Marco.

La parte civile e il risarcimento dei danni

Nel processo l’uomo riconosciuto come parte offesa dal pubblico ministero si è costituito con l’avvocato Ilaria Baldassarre con richiesta di risarcimento dei danni, anche morali patiti. Il gup ha condannato l’imputato “ritenuta la continuazione tra i fatti contestati ed i fatti accertati già in un precedente giudizio, alla pena di anni tre anni e quattro mesi di reclusione, oltre al pagamento delle spese processuali ed al risarcimento dei danni quantificati in cinquemila euro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stalking ai danni del compagno dell’ex moglie: condannato

BrindisiReport è in caricamento