menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il palazzo della Procura di Brindisi

Il palazzo della Procura di Brindisi

Stalking e violenza sessuale su minore, pensionato sotto inchiesta

Incidente probatorio per ascoltare la studentessa di una scuola media. L'anziano, la scorsa primavera, venne assolto da accuse identiche

BRINDISI – “Stalking e violenza sessuale su una studentessa di scuola media”: le accuse sono state mosse nei confronti di un pensionato di 72 anni, residente nel Brindisino,  già finito sotto inchiesta con analoghe contestazioni e assolto la primavera scorsa. La denuncia è stata sporta dai genitori della minorenne a luglio. Tre mesi dopo la sentenza relativa al processo con rito abbreviato.  

L’inchiesta

La studentessa ha raccontato alla mamma e al papà quanto le sarebbe capitato negli ultimi mesi. Ha riferito di essere stata più volte seguita da un anziano, tanto da aver avuto timore di incontrarlo quando usciva da scuola, e di essere stata palpeggiata dallo stesso pensionato. I genitori si sono rivolti ai carabinieri del paese in cui vive la famiglia e hanno riferito gli episodi, così come stati ricordati dalla minorenne.

La denuncia

La denuncia è dello scorso mese di luglio. E’ contestata la permanenza delle condotte. Il fascicolo è stato assegnato al sostituto procuratore Manuela Pellerino. Il pm per raccogliere le dichiarazioni della ragazza, in vista del processo, ha chiesto il suo ascolto, con la formula dell'incidente probatorio, con tutte le garanzie previste dalla legge nei casi di minori, riconosciuti parti offese nei reati di violenza sessuale e stalking.

La minorenne, rappresentata dall’avvocato Carmela Roma del foro di Brindisi, è stata sentita dal giudice per le indagini preliminari Stefania De Angelis. Ha risposto anche alle domande del difensore dell’imputato, Paoloantonio D’Amico, penalista di Brindisi. E’ stato disposto anche l’ascolto di un testimone, sempre con la formula dell’incidente probatorio essendo minorenne.

La difesa

L’anziano ha sempre respinto le accuse. Così come ha fatto nel corso del precedente procedimento penale, partito anche in quel caso dalla denuncia dei genitori di una studentessa minorenne. Il processo si è concluso lo scorso mese di aprile con sentenza di assoluzione per l’imputato.  “Non ho mai fatto niente di male a nessuno”, disse all’epoca, in udienza, alla presenza dell'avvocato D'Amico. "E' vero che la conosco ed è anche vero che una sola volta le toccai una spalla". Si professa innocente anche questa volta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento