rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Centro Storico

Chiostro e convento costruiti con le pietre della casa del grande ammiraglio

Anticamente, ai tempi dei Messapi e dei Romani, Brindisi era cinta di grandi mura (alcuni resti sono tuttora visibili all’inizio di via Camassa) ed era difesa da rocche ben munite, costruite sui promontori che si affacciano sul porto

In occasione della presentazione degli ultimati lavori di recupero e restauro dell'antico chiostro del convento di S.Paolo, progetto voluto nel 2005 dall'amministrazione provinciale guidata da Michele Errico, che avverrà domani alla presenza del commissario straordinario Cesare Castelli, proponiamo uno studio di Roberto Piliego che all'epoca era responsabile dell'Ufficio studi dello stesso ente. Il testo è stato in questi giorni leggermente aggiornato e ritoccato dall'autore

Anticamente, ai tempi dei Messapi e dei Romani, Brindisi era cinta di grandi mura (alcuni resti sono tuttora visibili all’inizio di via Camassa) ed era difesa da rocche ben munite, costruite sui promontori che si affacciano sul porto. Tra l’altro, tutta l’area fra il mare e le fortificazioni sulle alture era ricca di giardini. Una rocca sorgeva anche sul promontorio detto di S. Andrea, dove sono ora la chiesa di S. Paolo e le sedi della Prefettura e della Provincia, ricavate nell’ex monastero annesso al tempio.

Margarito da BrindisiIn questo sito sorse - ed è la costruzione nota più antica dopo la rocca - la casa di Margarito da Brindisi (1130-1196), il grande ammiraglio fedelissimo dei Normanni. La posizione era - ed è - incantevole e la “domus Margariti” era magnifica, fornita di bagni, giardini, forni e altri servizi accessori. Nelle sue pertinenze furono realizzate la zecca e la banca di Stato. Nel giardino della casa vi era un’altissima, e quindi antichissima, palma, che si trova effigiata in alcune monete coniate dai Normanni. E’ possibile che la zecca esistesse già ai tempi dei Normanni; però il documento più antico che la cita come operante è del 1215 (Nella foto, Margarito da Brindisi).

Con la sconfitta dei Normanni e la morte dell’ammiraglio, la casa di Margarito fu confiscata dagli Svevi; Federico II, nel 1215, la donò - esclusi i locali della zecca e della banca - ai Cavalieri Teutonici, che avevano già un “hospitale” nell’area della Cittadella. La casa fu ricomprata dallo stesso Imperatore svevo nel 1229 per consentire l’ampliamento della zecca, le cui esigenze erano evidentemente molto cresciute (vi si coniavano anche monete d’oro). Nel 1245, Papa Innocenzo IV depose Federico II che, due anni dopo, fu sconfitto dalla Lega Lombarda a Parma e a Fossalta.

Nello stesso anno, il 13 agosto 1247, Innocenzo IV concede la casa di Margarito a Riccardo di Maramonte della diocesi di Otranto; dieci anni dopo, Papa Alessandro IV, toltala a Riccardo, la concede il 21 novembre 1257 ai fratelli brindisini Zacaria Nicola e Bibulo. Dopo il 1257, la “domus” fu chiamata Casa della Curia Regia e sede della Sicla (zecca): era quindi ridiventata di proprietà demaniale.

Con la morte di Federico II (1250), la zecca di Brindisi fu trasferita a Manfredonia ad opera di Manfredi di Svevia; ma sconfitto e ucciso costui da Carlo I d’Angiò, fu riportata nel 1266 a Brindisi. Lo stesso re angioino - resosi conto dell’inadeguatezza dei locali dell’ex casa di Margarito - ordinò la costruzione del nuovo palazzo della zecca in prossimità della Cattedrale, dov’è ora il palazzo Balsamo (in precedenza chiamato “de los Reyes”). La zecca brindisina continuò a funzionare - coniando però solo monete di rame e d’argento - sotto i successori di Carlo I e gli Aragonesi. In tutta la sua storia, la zecca di Brindisi avrebbe coniato 338 monete diverse.

La chiesa di San Paolo a Brindisi-3Intanto, il 2 giugno 1284, Carlo I d’Angiò aveva donato la casa di Margarito e adiacenze ai Francescani perché vi costruissero, col materiale di risulta della “domus”, la chiesa e il monastero di San Paolo. Le pietre quadrate con le quali il tempio fu edificato facevano parte, quindi, della “domus Margariti”, che a sua volta potrebbe aver utilizzato i conci dell’antica rocca. La chiesa di S. Paolo fu terminata nel 1322, ma l’attuale tetto risale al 1505 (Nella foto, la chiesa di San Paolo a Brindisi).

A seguito del primo incameramento dei beni degli enti ecclesiastici (1808), durante il regno di Gioacchino Murat, il monastero di S. Paolo – come tanti altri monasteri – divenne proprietà demaniale, e il 15 maggio 1813 sede della Sottintendenza, trasferita da Mesagne, che sei anni prima, all’atto dell’insediamento, era stata preferita a Brindisi, tristemente famosa per la sua aria malsana. La Sottintendenza divenne Sottoprefettura nel 1860, e Prefettura nel 1927, con l’istituzione della Provincia. Qualche anno dopo l’edificio avrebbe ospitato, a seguito della ristrutturazione e dell’ampliamento dei locali, anche gli uffici dell’Amministrazione Provinciale, che nei primi tempi  avevano trovato provvisoria sistemazione in un appartamento di viale Regina Margherita e nel Palazzo Montenegro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiostro e convento costruiti con le pietre della casa del grande ammiraglio

BrindisiReport è in caricamento