menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Corte d'Assise del processo per la strage della scuola Morvillo

La Corte d'Assise del processo per la strage della scuola Morvillo

Strage Morvillo: Veronica e Vanessa

BRINDISI – E’ Vanessa Capodieci che apre la quarta udienza del processo per la strage della scuola Morvillo Falcone. L’attentatore è assente anche oggi, a Vanessa e Veronica viene risparmiato l’impatto con l’uomo che ha tentato di uccidere loro e altre compagne, e che ha ucciso invece Melissa Bassi. Vanessa, che come la sorella non consente di essere ripresa e fotografata, ricorda tutto perfettamente. E ricostruisce i terribili secondi dell’esplosione avvenuta alle 07,42 del 19 maggio 2012.

BRINDISI - E' Vanessa Capodieci che apre la quarta udienza del processo per la strage della scuola Morvillo Falcone. L'attentatore è assente anche oggi, a Vanessa e Veronica viene risparmiato l'impatto con l'uomo che ha tentato di uccidere loro e altre compagne, e che ha ucciso invece Melissa Bassi. Vanessa, che come la sorella non consente di essere ripresa e fotografata, ricorda tutto perfettamente. E ricostruisce i terribili secondi dell'esplosione avvenuta alle 07,42 del 19 maggio 2012.

La maggiore delle sorelle Capodieci frequentava la IV classe. "Prendevamo il pullman a Mesagne alle 7,20 e arrivavamo alle 7,39. La fermata era davanti al tribunale. Io e Veronica arrivammo a piedi sino all'angolo della scuola. Incontrammo lì Selena, Azzurra, Sabrina e Melissa che arrivavano dalla parte opposta. Ho visto il cassonetto blu, era sistemato tra i due pali di supporto di un cartellone pubblicitario. Mi sembrò strano che fosse lì, perché noi a scuola non facevamo la differenziata. Controllai l'ora sul telefonino, il tempo di rimetterlo in tasca e ci fu lo scoppio".

Vanessa spiega che lei e la sorella avevano appena superato il cassonetto, e che Veronica la precedeva di pochissimo. Descrive il rumore assordante ("pensavo fosse saltata un'auto"), e la fiammata che investì lei e la sorella da dietro. "Caddi a terra. Quando mi rialzai era tutto nero, Veronica non era più davanti a me, ma era dietro. Vidi che aveva il torace squarciato. La presi per mano e la portai all'interno del cancello della scuola. La feci sedere a terra, le misi il giubbino sulla ferita e comprimevo. Le dicevo che non era nulla. Lei piangeva, singhiozzava e non riusciva a respirare bene. C'era molta gente ma quasi nessuno ci aiutava, tranne un bidello, Mimino, e il mio insegnante di inglese".

Vanessa Capodieci rimase in ospedale dal 19 al 29 maggio 2012. Veronica molto più a lungo, e per settimane in pericolo di vita. Un calvario che non è ancora finito. La più giovane delle sorelle Capodieci frequentava la prima classe della Morvillo Falcone, indirizzo socio-sanitario. Il pm Guglielmo Cataldi le ha chiesto cosa ricorda dell'esplosione: "Pensavo che stessi sognando, e che mi sarei svegliata, invece ricordo mia sorella che mi prendeva per mano e mi portava all'interno del cortile della foto, che mi copriva la pancia con un giubbino". Veronica risponde al pm di essere stata ricoverata a Brindisi, Lecce e Pisa, di avere subito otto o nove interventi chirurgici, e che dovrà subirne ancora alla mano sinistra (dove ha subìto amputazioni), e all'orecchio sinistro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento