Strage di ulivi nel Brindisino: centinaia di alberi divorati da incendio

E' accaduto a Oria nei pressi di Parco Laurito: i pompieri hanno lavorato per oltre sei ore con due squadre

ORIA – Centinaia di alberi di ulivo carbonizzati. E’ questo il triste bilancio di un incendio divampato nella mattinata di mercoledì 14 agosto nelle campagne di Oria, nei pressi di Parco Laurito. Sul posto si è recata una squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di Francavilla Fontana e un’autobotte da Brindisi, i pompieri hanno dovuto combattere per oltre sei ore per cercare di salvare gli ulivi. La chiamata alla sala operativa dei vigili del fuoco è giunta alle 11, l’intervento si è concluso dopo le 17.

Da quanto accertato l’incendio è divampato a causa delle sterpaglie presenti nell’uliveto. Il terreno ai piedi degli alberi era incolto e pieno di erba secca: è bastato poco, specie con il forte maestrale che sta soffiando da qualche ora sul Brindisino, per distruggere centinaia di ulivi. Un danno che si sarebbe potuto evitare se fossero state adottate le “buone pratiche” previste per contrastare il propagarsi della Xylella. Una di queste consiste nel tenere puliti i terreni. Ma forse gli ulivi pugliesi sono destinati a morire, dove non vengono attaccati dal batterio killer ci pensa l’uomo, con l’incuria. 

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Pulmino si schianta contro un albero: feriti sette braccianti, due sono gravi

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

  • La Polstrada recupera auto rubata dopo un inseguimento

  • Carabinieri intercettano auto rubata: inseguimento in città

Torna su
BrindisiReport è in caricamento