rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Strisce pedonali con le basole: esposto

BRINDISI – Qualcosa non quadra nella risistemazione delle storiche basole di via Tarantini. Non sfugge, infatti, soprattutto se si osserva la strada dall’alto, lo stravolgimento della loro disposizione originaria, collocando le stesse in modo da creare una sorta di segnalazione di attraversamento pedonale.

BRINDISI -Qualcosa non quadra nella risistemazione delle storiche basole di via Tarantini, restaurate di recente. Non sfugge, infatti, soprattutto se si osserva la strada dall'alto, lo stravolgimento della loro disposizione originaria, collocando le stesse in modo da creare una sorta di segnalazione di attraversamento pedonale.

Il problema è stato sollevato dal presidente della sezione di Brindisi dell'associazione Italia Nostra, Domenico Saponaro, attraverso una lettera aperta inviata al soprintendente per i Beni architettonici e paesaggistici di Lecce, Brindisi e Taranto, Francesco Canestrini, al funzionario delegato per le province di Brindisi e Taranto della Soprintendenza, Augusto Ressa, e al sindaco di Brindisi, Mimmo Consales.

In tale missiva, Domenico Saponaro segnala una serie di anomalie nella rimozione e rimessa in opera delle chianche dell'antica strada che immette in piazza Duomo. "Tale circostanza - scrive Saponaro - lungamente auspicata (stante il grave stato di dissesto della storica pavimentazione) da chi più o meno abitualmente percorre quella strada, è motivo di giustificate lamentele da parte di un gran numero di cittadini, per via di un intervento ritenuto assolutamente inopinato e stridente sul piano estetico e filologico".

Il riferimento e a quelle strane strisce pedonali che la ditta appaltatrice ha realizzato in corrispondenza dell'intersezione fra i vicoli De' Moricino e Santa Caterina. "Nello stigmatizzare tale operato - scrive ancora Saponaro - agli enti in indirizzo chiediamo in primo luogo: se tale segnalazione rappresenti uno specifico obbligo del codice della strada; se l'intervento in questione, nei modi in cui è stato eseguito, fosse previsto dal progetto esecutivo preliminarmente autorizzato per lo svolgimento delle opere di che trattasi. Inoltre, poiché l'attuale aspetto risulta, come detto, fortemente antiestetico, ma soprattutto contrastante con l'armoniosa precedente collocazione delle basole lungo l'arteria interessata, chiediamo l'immediato ripristino dell'originario criterio di pavimentazione, a totale carico dell'impresa esecutrice e senza aggravio alcuno per le casse erariale".

"Qualora - prosegue Saponaro - l'indicazione dell'attraversamento pedonale costituisca, nella specifica situazione in questione, un ineludibile obbligo del codice stradale, si chiede infine l'adozione di una diversa modalità di segnalazione, ovviamente non invasiva sul piano estetico e tantomeno su quello dell'integrità del basolato. Nella certezza che si vorrà fornire riscontro positivo alla presente - conclude l'esponente di Italia Nostra - riconoscendo l'utilità e l'opportunità delle segnalazioni dei cittadini, si porgono distinti saluti". (Fotoservizio Gianni Di Campi)

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strisce pedonali con le basole: esposto

BrindisiReport è in caricamento