Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Ferraris: prolungata la permanenza al Belluzzi. "Grave preoccupazione"

La preside Fermi-Monticelli: "Non si può pregiudicare il diritto dei ragazzi ad una adeguata e piena offerta formativa già programmata anche in orario pomeridiano"

BRINDISI – “Gravissima preoccupazione” viene espressa dal dirigente scolastico del liceo scientifico “Fermi Monticelli”, Anna Maria Quarta, per il prolungamento di due settimane (dal 5 al 20 novembre) del periodo di permanenza di 23 classi dell’istituto professionale “Ipsia ferraris” (la cui sede è chiusa per inagibilità) presso la sede dello Scientifico in via Nicola Brandi 14 (ex Belluzzi), a causa di un vizio di forma che avrebbe fatto slittare al prossimo consiglio di amministrazione della Cassa Ragionieri la firma del contratto di locazione della struttura di Viale Porta Pia (ex sede dello Scientifico Fermi) da adibire a sede del “G. Ferraris”.

La dirigente manifesta il suo stupore attraverso una lunga nota stampa che riportiamo di seguito.

Come è noto, dal 24 ottobre  il Liceo “Fermi-Monticelli” di Brindisi ospita, nelle ore pomeridiane, presso la sede del triennio del Liceo in Via Nicola Brandi 14 (ex “Belluzzi”), ben 23 classi dell'IPSIA “G. Ferraris”. Tale situazione si è venuta a creare a seguito della richiesta  di ospitalità per 15 giorni, rivolto al Dirigente Scolastico Anna Maria Quarta, per le vie brevi telefoniche, dal Dirigente dell'USP nel pomeriggio del 19 ottobre 2016, mentre era in corso in Prefettura un incontro istituzionale (Prefettura, Ufficio Scolastico Regionale e Provinciale, Provincia di Brindisi), senza però che vi fosse stata alcuna preventiva concertazione, nella quale, avendone la possibilità, il Dirigente Scolastico avrebbe potuto illustrare tutte le conseguenze e problemi logistici e gestionali del Liceo. Il Liceo Scientifico “Fermi-Monticelli”, infatti, già dall'inizio dell'anno scolastico sta profondendo il massimo dell'impegno, grazie anche alla generosità di tutto il personale coinvolto, per evitare disservizi e problematiche di varia natura derivanti dal trasferimento effettuato nei mesi estivi dai locali di Viale Porta Pia a quelli di Via Nicola Brandi.

Si è comunque ritenuto doveroso non accampare oggettive e riscontrabili ragioni di difficoltà, che avrebbero potuto coscientemente portare a rifiutare questa forma di solidale disponibilità nei confronti di un altro Istituto, che si trova in fase di gravissima emergenza, solo perché l'invito all'ospitalità rivolto riguardava un tempo di permanenza delle classi dell'IPSIA di sole due settimane e quindi fino al 5 novembre 2016.

Desta stupore e allarme la nota pervenuta dall'Ufficio Scolastico Provinciale, in data 26 ottobre, dalla quale si evince che la sistemazione delle classi dell'IPSIA “Ferraris” presso il Liceo è di 30 giorni e non 15, come concordato in via informale nel pomeriggio del 19 ottobre. Tale comunicazione trova conferma nelle notizie che in queste ore si apprendono da alcune fonti giornalistiche, secondo le quali un vizio di forma avrebbe fatto slittare al prossimo Consiglio di Amministrazione della Cassa Ragionieri la firma del contratto di locazione della struttura di Viale Porta Pia da adibire a sede del “G. Ferraris”.

Si vuole pertanto far giungere ai soggetti che hanno la responsabilità di garantire la effettiva praticabilità dell'accordo raggiunto, la gravissima preoccupazione del Dirigente Scolastico e della Istituzione Scolastica che rappresenta. Per tutto ciò si chiedono necessarie e immediate garanzie, che, nella forma e nella sostanza, possano scongiurare nei fatti un  allarmante scenario, che vedrebbe due istituzioni scolastiche, nel giro di pochi giorni, nella oggettiva impossibilità di garantire il pieno diritto allo studio ai propri studenti.

Si sottolinea che gli studenti del Liceo hanno manifestato nei fatti un elevatissimo grado di responsabilità, di sensibilità verso le problematiche altrui e di senso civico, dimostrando a tutti di aver acquisito piena consapevolezza del loro ruolo di cittadini attivi, ma non si può pregiudicare il loro diritto ad una adeguata e piena offerta formativa già programmata anche in orario pomeridiano.

Il Dirigente Scolastico vuole rassicurare studenti, genitori, docenti e tutto il personale, che eserciterà ogni azione di controllo perché l'accordo di ospitalità provvisoria sia rispettato. Continuerà ad informare sugli sviluppi della situazione, sempre con grande senso di responsabilità e collaborazione, non esitando a coinvolgere tutti i soggetti attivi del Liceo, qualora fossero confermati gli elementi di preoccupazione oggi pubblicamente espressi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferraris: prolungata la permanenza al Belluzzi. "Grave preoccupazione"

BrindisiReport è in caricamento