menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Studenti lasciati a un'altra fermata, Stp si scusa e avvia indagini interne

In merito alla disavventura degli studenti pendolari mesagnesi che nella mattinata di ieri, lunedì 23 novembre, sono stati lasciati tutti in piazza Porta Grande, nonostante parte di essi viva in altre zone del paese, senza spiegazioni da parte dell’autista, la Società trasporti pubblici annuncia l’intenzione di fare chiarezza sull’accaduto e intanto si scusa con i viaggiatori per il disservizio

MESAGNE – In merito alla disavventura degli studenti pendolari mesagnesi che nella mattinata di ieri, lunedì 23 novembre, sono stati lasciati tutti in piazza Porta Grande, nonostante parte di essi viva in altre zone del paese, senza spiegazioni da parte dell’autista, la Società trasporti pubblici annuncia l’intenzione di fare chiarezza sull’accaduto e intanto si scusa con i viaggiatori per il disservizio.

“L’azienda ha immediatamente avviato l’indagine interna, accertando che l’autista non ha rispettato le indicazioni del proprio turno di servizio, entrando nella città di Mesagne seguendo un percorso errato, non compiendo quindi le previste fermate”. Il disagio è stato raccontato dagli stessi pendolari alla redazione di BrindisiReport che hanno evidenziato anche un comportamento poco gentile da parte del conducente del bus che non avrebbe nemmeno voluto fornire spiegazioni sul cambio di tragitto.

“Sono in corso ulteriori accertamenti per verificare quanto evidenziato in ordine alle motivazioni ed al comportamento del proprio dipendente, all'esito dei quali saranno adottati i dovuti provvedimenti disciplinari. L’azienda si scusa con i clienti per il disagio, rinnovando l’impegno per un servizio di qualità anche grazie alla collaborazione dei media locali e degli utenti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento