rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

Stupro, ora esami tracce e Dna

LECCE – Due inchieste aperte: la prima dalla procura dei minori, la seconda dalla procura ordinaria per la presunta violenza sessuale ai danni di una sedicenne ad opera di due amici, tutti brindisini, nei bagni della stazione ferroviaria del capoluogo salentino. La squadra mobile di Lecce ha depositato nel pomeriggio in procura l’informativa sullo stato delle indagini avviate dopo il racconto della giovane al posto fisso del Vito Fazzi di Lecce, seguito al ricovero dopo il ritrovamento della 16enne – in lacrime ed in forte stato di shock - da parte di un capotreno nella stazione salentina intorno alle 14.30 di ieri.

LECCE ? Due inchieste aperte: la prima dalla procura dei minori, la seconda dalla procura ordinaria per la presunta violenza sessuale ai danni di una sedicenne ad opera di due amici, tutti brindisini, nei bagni della stazione ferroviaria del capoluogo salentino. La squadra mobile di Lecce ha depositato nel pomeriggio in procura l?informativa sullo stato delle indagini avviate dopo il racconto della giovane al posto fisso del Vito Fazzi di Lecce, seguito al ricovero dopo il ritrovamento della 16enne ? in lacrime ed in forte stato di shock - da parte di un capotreno nella stazione salentina intorno alle 14.30 di ieri.

Gli investigatori, che indagano sui due giovani amici della vittima, che da compagni d?avventure si sarebbero trasformati in stupratori, hano avviato due inchieste dal momento che gli accusati dalla sedicenne sarebbero un suo coetaneo ed un diciottenne. Da qui l?interessamento al caso da parte di due procure. Le indagini sono svolte dalla squadra mobile di Lecce con l?usilio della squadra mobile di Brindisi. Nelle scorse ore gli investigatori dopo aver identificato i due soggetti hanno proceduto nei confronti di entrambi sequestrando gli indumenti da loro indossati ed i due telefoni cellulari in loro possesso.

I vestiti indossati al momento dello stupro potranno servire a svolgere ulteriori rilievi alla ricerca di tracce utili ? Dna compreso - alla ricomposizione del quadro; i telefonini saranno visionati dai tecnici per verificare se durante la presunta violenza qualcuno abbia potuto filmare le scene da ?Arancia Meccanica? denunciate dalla giovane, che sarebbero avvenute nei bagni della stazione poco prima di salire sul treno delle 14.37 diretto a Brindisi. I tre, che secondo una prima ricostruzione dei fatti, avrebbero marinato la scuola per recarsi a Lecce per trascorrere una ?giornata brava? e fare compere, sarebbero stati in giro per la città tutta la mattinata di lunedì passando il loro tempo a bere fiumi di birra.

Poi una volta giunta l?ora del rientro, alticci per l?eccessiva dose di birra ingurgitata, si sarebbero recati in stazione dove la ragazza avrebbe deciso di andare in bagno. I due amici, secondo la versione raccontata dalla vittima l?avrebbero seguita abusando di lei. Poi il ricovero in ospedale e i primi accertamenti, tra cui quello del tasso alcolemico cui la 16enne sarebbe risultata positiva. Eseguiti anche, come da prassi ? dopo la denuncia -  anche i tamponi vaginali, per il cui esito occorrerà tempo. Intanto le indagini proseguono alla ricerca di ulteriori riscontri. Non è escluso che i due presunti stupratori possano essere ascoltati a breve alla presenza dei loro avvocati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stupro, ora esami tracce e Dna

BrindisiReport è in caricamento