rotate-mobile
Cronaca

Sub sorpresi a pescare ricci sulla litoranea: sequestro e multa

Mille ricci sono stati rigettati in mare: intervento della polizia marittima della Guardia costiera e della squadra nautica della Questura

BRINDISI - Sub a pesca di ricci, scoperti lungo la litoranea di Brindisi e multati dai  militari della sezione di polizia marittima della Guardia costiera  congiuntamente agli agenti della squadra nautica della Polizia di Stato della questura di Brindisi: l'intervento di ieri ha portato al sequestro di mille ricci, subito dopo rigettati in mare.

sequestro ricci bis-2

L’attività ha preso spunto da una circostanziata segnalazione pervenuta alla sala operativa della Guardia Costiera. I militari si sono messi in contatto con la questura, richiedendo l’intervento della Squadra Nautica. In effetti, giunti sul posto della segnalazione, si sono appostati ed osservato come l’attività di alcuni sub, intenti alla cattura del pregiato prodotto ittico, era svolta con l’appoggio di un’imbarcazione da diporto. Sul posto è stata quindi fatta convergere, allo scopo di consentire adeguato supporto via mare, la dipendente motovedetta di polizia marittima CP578. La sinergica attività ha consentito di scoprire che si trattava di pescatori sportivi non professionali e non autorizzati.

Come previsto dal vigente decreto legislativo 4/2012 che disciplina  la pesca, ai trasgressori è stata comminata una sanzione amministrativa, proporzionale al quantitativo di prodotto ittico prelevato e prevista nell’importo massimo fino a 12mila euro. In particolare, la cattura del riccio è stata fatta in violazione del decreto ministeriale del 12 gennaio 1995 che regolamenta la disciplina della pesca del riccio di mare.

Il riccio di mare, il cui nome scientifico è paracentrotus lividus, è un organismo vivente marino che purtroppo continua ad essere sottoposto ad un continuo ed indiscriminato prelievo sia da parte dei pescatori professionali che da  parte dei pescatori sportivi. Le normative prevedono il limite giornaliero di cattura di 50 esemplari per i pescatori sportivo-ricreativi, mentre i pescatori professionali autorizzati non possono catturare giornalmente più di mille esemplari. I ricci, freschi ed ancora allo stato vitale, verosimilmente destinati ad alimentare il mercato illegale lungo strade del territorio comunale o presso esercizi di ristorazione, sono stati sottoposti a sequestro ed immediatamente rigettati in mare.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sub sorpresi a pescare ricci sulla litoranea: sequestro e multa

BrindisiReport è in caricamento