menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La refurtiva recuperata ad Oria

La refurtiva recuperata ad Oria

Taccheggio, arrestate madri e figlie

ORIA – Madri e figlie da Taranto a Oria per saccheggiare le attività commerciali, ma sono state individuate e bloccate poco dopo i furti e arrestate. Si tratta di Marilena Marchetti 51 anni e Anna Tomani 31 e Vincenza Pignatelli 48 anni e Francesca Lomancino 21 anni.

ORIA - Madri e figlie da Taranto a Oria per saccheggiare le attività commerciali, ma sono state individuate e bloccate poco dopo i furti e arrestate. Si tratta di Marilena Marchetti 51 anni e Anna Tomani 31 e Vincenza Pignatelli 48 anni e Francesca Lomancino 21 anni. Solo la Tomai è incensurata. Tutte sono accusate di furto aggravato.

Il reato di cui si sono rese responsabili risale al tardo pomeriggio di ieri. Le titolari di un negozio di abbigliamento di Oria dopo la visita di queste quattro donne si sono accorte di alcuni ammanchi di merce e non hanno esitato a richiedere l'intervento dei carabinieri, sul posto si è recata una pattuglia della stazione di Oria, guidata dal luogotenente Roberto Borrello che ha subito avviato le ricerche delle presunte ladre.

Le quattro donne sono state individuate poco dopo e fermate: avevano tre borsoni da palestra pieni di merce di ogni genere. Nel frattempo presso la caserma è giunta la segnalazione di un furto presso una cartolibreria del posto. Refurtiva che è stata trovata nel borsone delle donne fermate dai carabinieri. La merce asportata dai negozi ha un valore complessivo di 800 euro.

Nei borsoni, però, c'erano anche detersivi e generi alimentari di al momento non è stata accertata la provenienza. I carabinieri sono impegnati, ora a trovare i proprietari. Le arrestate, dopo le formalità di rito, su disposizione sono state trasferite nelle loro abitazioni in regime di arresti domiciliari.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento