menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tagliate abusivamente 108 querce: multa da 18mila euro

La scoperta è stata fatta dai carabinieri della stazione forestale di Ceglie Messapica nell’ambito dell’operazione denominata “Bosco Sicuro”

CEGLIE MESSAPICA – Scoperto taglio abusivo di 108 alberi di quercia in un bosco: multa da 18mila euro per un 62enne originario del Bresciano, proprietario dell'area, e un 64enne di Martina Franca, operaio della ditta boschiva incaricata per il taglio. La scoperta è stata fatta dai carabinieri della stazione forestale di Ceglie Messapica nell’ambito dell’operazione denominata “Bosco Sicuro”, avviata dall’ autunno scorso, su tutto il territorio nazionale, dal Comando Unità forestali ambientali e agroalimentari dell’Arma dei carabinieri, proprio per tutelare le già carenti aree boschive.

I due stavano deturpando un bosco sito in località Pisciacalze a Ceglie Messapica, all’arrivo dei militari avevano già tagliato 108 piante di quercia (di diverse dimensioni, fino ad un diametro di 65 cm), non previste nell’autorizzazione rilasciata dalla Regione Puglia.Le piante, inoltre, erano state in parte occultate con pietre e fogliame, con l’ ausilio di un escavatore.

I militari hanno quindi provveduto a notificare al proprietario del bosco, un 62enne originario del Bresciano, ed al 64enne operaio della ditta boschiva incaricata del taglio, di Martina Franca, una sanzione amministrativa di 18mila euro, proporzionale al numero delle piante illecitamente abbattute ed al loro volume (diametro), secondo il Regolamento Regionale n. 19 del 2017.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

  • Cronaca

    Falsa infermiera a casa per prenotare i vaccini: monito dell'Asl

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento