Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Via Appia

Tamponamento a catena in città a causa di un malore: paura per una bimba

Il malore di uno dei conducenti ha con ogni probabilità innescato un tamponamento in cui stamani sono rimaste coinvolte tre auto in via Appia, mandando il tilt in traffico. Lo scontro è avvenuto intorno alle ore 8,30, quasi all'altezza dell'incrocio con via Orazio Flacco, a una 50ina di metri dalla casa circondariale

BRINDISI – Il malore di uno dei conducenti ha con ogni probabilità innescato un tamponamento in cui stamani sono rimaste coinvolte tre auto in via Appia, mandando il tilt in traffico. Lo scontro è avvenuto intorno alle ore 8,30, quasi all’altezza dell’incrocio con via Orazio Flacco, a una cinquantina di metri dalla casa circondariale.

L’improvviso malessere è stato è stato accusato da un brindisino alla guida di una Fiat 500 di colore grigio. Il veicolo, praticamente fuori controllo, ha dato vita a un tamponamento a catena che ha interessato anche una Smart condotta da un brindisino di circa 50 anni e una Lancia Ypsilon di colore blu a bordo della quale viaggiava una bimba di circa due anni con mamma e un'anziana.La Fiat 500-2

Le macchine procedevano a velocità moderata. L’impatto non è stato particolarmente violento. Due ambulanze del 118 si sono subito recate sul posto per soccorrere il guidatore della 500  e la passeggera anziana della Ypsilon. Tutti e due sono stati condotti in ospedale. Non ha riportato neanche un graffio, per fortuna, la bimba, coccolata dai paramedici per superare lo spavento.

I rilievi del caso sono stati effettuati da una pattuglia di vigili urbani, i quali hanno subito disposto lo spostamento delle macchine incidentate dalla carreggiata, per far riprendere la circolazione su quella che è una delle strade più trafficate della viabilità cittadina. La dinamica del sinistro è ancora al vaglio degli agenti della Municipale. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tamponamento a catena in città a causa di un malore: paura per una bimba

BrindisiReport è in caricamento