menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tartaruga intrappolata nella lenza: salvata da un pescatore

Nell'ambito dell'attività di pesca autorizzata nell'Area Marina Protetta di Torre Guaceto, un pescatore ha recuperato una Caretta caretta in serie difficoltà

TORRE GUACETO - Nell’ambito dell’attività di pesca autorizzata nell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto, un pescatore ha recuperato una Caretta caretta in serie difficoltà. Nello specifico, l’artigiano Felice Caccetta stava muovendo per il rientro al porticciolo di Torre Santa Sabina, base dei pescatori locali, quando ad un tratto ha notato qualcosa in mare. Un oggetto non meglio identificato che galleggiava nei pressi degli scogli di Apani, in piena Amp a poche centinaia di metri dalla Torre Aragonese.

A questo punto, Felice si è avvicinato per capire di cosa si trattasse e qui ha avuto l’amara sorpresa. Era una tartaruga marina. L’animale era completamente avvolto da lenza. Attrezzo del tipo palamito, che si caratterizza per una serie di lenze dotate di ami alle estremità, genere il cui utilizzo è vietato in Riserva.tartaruga torre guaceto-5

La tartaruga era impossibilitata a muoversi in acqua, rischiava di affogare, ancora qualche tempo trascorso in quelle condizioni ed avrebbe perso la vita. Felice non ha perso un attimo, ha immediatamente preso la Caretta caretta ed ha provato a liberarla dalla stretta mortale continuando a tenerla in mare. Non ci è riuscito. Troppa lenza, troppo stretta da eliminare nel modo opportuno.

Allora il pescatore ha caricato la tartaruga in barca e solo a questo punto è riuscito a liberarla. A questo punto è scattata la richiesta di intervento agli operatori del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto e la Caretta caretta è stata trasportata presso il centro recupero della Riserva, il “Luigi Cantoro” sottoposta a stretta osservazione ed assicurata alle cure dei veterinari.

Si tratta di un maschio e fortunatamente non ha lesioni evidenti. Ora avrà tutto il tempo necessario per riprendersi completamente e ritrovare la forma fisica ideale per tornare in mare. Questo episodio ci ricorda quanto sia diventata ormai fondamentale per la tutela del nostro mare e dei suoi abitanti la stretta collaborazione tra il Consorzio di Gestione di Torre Guaceto ed i pescatori locali autorizzati, le prime sentinelle delle nostre acque.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento