menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Teatro contro ogni barriera, compagnia brindisina al Festival Nazionale

“Quante storie per una foto”, la Fondazione Beato Bartolo Longo di Latiano unica pugliese al Festival Nazionale “Il Giullare” di Trani

LATIANO - “Quante storie per una foto”, la Fondazione Beato Bartolo Longo di Latiano unica pugliese al Festival Nazionale “Il Giullare” di Trani. “Quante storie per una foto”  lo spettacolo a cura della Fondazione Beato Bartolo Longo di Latiano per la regia di Rosario Diviggiano (coordinatore della comunità-alloggio “L’Amicizia” e Teatroterapista) ha aperto la decima edizione del Festival Nazionale del Teatro contro ogni barriera “Il Giullare” a Trani.

La compagnia brindisina - l’unica a rappresentare la Puglia quest’anno - si affaccia per la prima volta al festival ed ha avuto l’onore di aprire la kermesse in occasione dello speciale anniversario della rassegna. Lo spettacolo si è svolto presso il Centro Jobel di Trani in un teatro all’aperto con circa 500 posti a sedere.

L’opera racconta di storie di vita vissuta, di amori, di dolori, di gioie, di momenti reali o immaginati. Storie che sono state riviste, rivisitate, filtrate o arricchite per rivalutare in maniera creativa momenti importanti della propria vita. Uno spettacolo teatrale che mette a nudo le varie sfaccettature dell’esistenza umana attraverso metafore, passando dai vizi alle virtù, con i propri limiti e le proprie abilità.

Nelle precedenti edizioni sul palco tranese si sono esibiti centinaia di artisti con e senza disabilità provenienti da ogni parte d’Italia e segnando la storia di una delle esperienze, con al centro il connubio arte e disabilità tra le più longeve del nostro Paese.

“Il Giullare” nasce nel 2000, quando un gruppo di “sprovveduti” giovani volontari dell’Associazione Promozione Sociale e Solidarietà di Trani, prestano il proprio servizio nella molto familiare casa d’accoglienza, frequentata per due volte a settimana da pazienti del Centro di Salute Mentale. L’Associazione Promozione Sociale e Solidarietà nasce fin dal 1995 dedicandosi a chi vive in condizione di marginalità sociale attraverso una casa di accoglienza e attraverso attività diurne per persone con disagio psichico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Auto rubate tornano in circolazione come cloni: due arresti

  • Cronaca

    Amore non corrisposto: donna irrompe in banca con un coltello

  • Emergenza Covid-19

    Alleviare ansia e paura: le dolci note del violino nell' hub vaccinale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento