menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il tenente Corlianò passa al Nucleo operativo ecologico della Basilicata

Cambio al vertice della 1^ Sezione del Nucleo investigativo del comando Provinciale di Brindisi

BRINDISI - Cambio al vertice della 1^ Sezione del Nucleo investigativo del comando Provinciale di Brindisi, il tenente Massimiliano Corlianò dopo cinque anni al comando della 1^ Sezione è stato trasferito  quale comandante del Nucleo operativo ecologico del capoluogo lucano. L’ufficiale di origini leccesi, ha intrapreso la carriera nell’Arma nel 1999 quale allievo Carabiniere effettivo e dopo il corso è stato destinato in provincia di Salerno  dove ha prestato servizio dal 2000 al 2003.

Nell’ottobre di quell’anno vincitore del concorso allievi marescialli, ha frequentato il biennio di studi  nelle Scuole dell’Arma di Velletri e Firenze, al termine del quale è stato assegnato nell’anno 2005 presso l’8° Reggimento “Lazio” di Roma rimanendo in quel reparto sino al 2007, quando è stato trasferito alla Stazione di Roma  “Prima Porta” dove è rimasto per  cinque anni sino al 2012. In quell’anno è risultato vincitore del concorso per “ufficiale del ruolo speciale” frequentando il relativo corso presso la Scuola Ufficiali dei Carabinieri di Roma. Al termine del ciclo di studi è stato trasferito al Nucleo Investigativo di Brindisi al comando della 1^ Sezione dove ha operato per cinque anni.

L’ufficiale, che nel nuovo incarico avrà competenza areale in tutta la Regione Basilicata, ha conseguito la laurea quale operatore  della Sicurezza Sociale, ed è stato insignito della croce  di bronzo per anzianità di servizio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Allarme lupi: stragi di asini e capre nelle campagne

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento