menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Oggiano insiste: "L'assessore Covolo incompatibile"

Il consigliere: "Il 20 luglio dieci stranieri minori trasferiti al Perrino, Covolo era ancora vice presidente consorzio"

Riceviamo e pubblichiamo il seguente intervento del consigliere comunale di Brindisi, Massimiliano Oggiano, capogruppo di Fratelli d'Italia e vice presidente delle Assise, in risposta alle dichiarazioni dell'assessore Roberto Covolo.

Ho fatto centro. Ho proprio fatto centro. L'assessore era incompatibile. Se non lo fosse stato spieghi lo stesso alla Città ed al Consiglio Comunale di Brindisi perche quando gli ho chiesto, durante il mio intervento sulla individuazione della ex delegazione del Casale quale centro accoglienza stranieri, se fosse vice presidente in carica del Consorzio Nuvola  non ha risposto cosi come ha fatto oggi (correndo ai ripari) che si era dimesso il 13 agosto?

 Anzi lo stesso ed il sindaco davanti alle telecamere accese  argomemtavano con giustificazioni che facevano intendere che Covolo era ancora in carica: tutto registrato. L'assessore Covolo ha tentato anche in pubblico di giustificarsi davanti a testimoni sostenendo che il suo ruolo attuale (ieri 10 settembre) di vice presidente non aveva profili incompatibilità e conflitto di interessi. Poteva tranquillamente dire: mi sono dimesso il 13 agosto,  sarebbe stato credibile! Invece cosa è  successo stanotte per fargli cambiare idea e comunicare solo oggi delle dimissioni del 13  agosto?

 Secondo l’assunto dell’assessore Covolo sapendo che potevano esserci profili di incompatibilità o conflitto d'interessi ha rassegnato le dimissioni da vice presidente del Consorzio Nuvola il 13 agosto. Come mai allora non ha rassegnato le dimissioni il 12 luglio, un mese prima, giorno in cui è stato nominato assessore del Comune di Brindisi. Se era incompatibile o in conflitto d’interessi il 13 agosto a maggior ragione lo era un mese prima. Cosa sarà successo? Una svista?Una dimenticanza?Sarebbe interessante sapere anche come ha rassegnato le dimissioni l’assessore Covolo visto che ci sono delle procedure che vanno rispettate ovvero la data certa delle sue dimissioni quindi una comunicazione via pec e non una semplice nota su carta intestata.

 Per chi non lo sapesse, per legge, si hanno 30 giorni di tempo per registrare le variazioni societarie (dimissioni in questo caso) in Camera di Commercio. Quindi immagino che qualcuno distratto oggi al 29esimo giorno è corso  a registrare il verbale delle sue dimissioni, qualcuno distratto, molto distratto. Dovrebbe l'assessore  rimproverare seriamente il suo consulente del Consorzio o chi per lui avrebbe dovuto comunicare immediatamnete questa importante variazione societara.

Lo stesso avrebbe dovuto dimettersi il giorno della sua nomina Qualche mese fa. Tutto molto singolare ma legittimo. La norma non ti consente di andare cosi a ritroso. Per la cronaca: il 20 luglio (il vice presidente del Consorzio Nuvola era Roberto Covolo  già assessore del Comune di Brindisi da otto giorni) 10 ragazzi stranieri minorenni non accompagnati sono stati trasferiti dalla struttura di San Vito dei Normanni gestito da Giocartacli e ricoverati presso la Comunità educativa del quartiere Perrino gestito dalla cooperativa Alveando, cooperativa consorziata al Consorzio Nuvola dove l’assessore Covolo era il vice presidente. 

 Lascio ai cittadini ed alla stampa le valutazioni del caso. Ma l’assessore Covolo ed il sindaco Rossi, che  fa della trasparenza e della legalità punti cardine del suo programma, tutto viene derubricato a semplice strumentalizzazione e polemica politica. Sappia il sindaco  che lo stesso si sta assumendo una gravissima responsabilità davanti alla città.  Forse non gli hanno detto che seppur ci sono 30 giorni per registrare le variazioni in Camera di commercio  dal 13 agosto ad oggi l'assessore Covolo risponde in prima persona delle obbligazioni e/o azioni poste in nome e per conto o in rappresentanza del consorzio Nuvola (se mai ne ha poste in essere). Pensate un po' se dovesse venire a galla qualche verbale o incontro o altro che dimostri che lo stesso Covolo ha continuato ad operare in nome e per conto del Consorzio.  Ma sicuramente non sara cosi. L'opposizione e i brindisini non hanno nemmeno l'anello al naso.



 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento