rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Villa Castelli

Tentano di offrire prestazioni sessuali a un pensionato: lui le respinge

La denuncia di un uomo di 60 anni residente a Villa Castelli:"Le ho mandate via, erano due giovani donne di colore, sono entrate a casa e una si è spogliata"

VILLA CASTELLI - "Due giovani donne di colore sono entrate a casa e una si è spogliata: mi hanno offerto prestazioni sessuali, le ho mandate via". La denuncia ai carabinieri è arrivata da un pensionato di 60 anni, residente a Villa Castelli, il quale ieri pomeriggio ha riferito quanto gli era successo attorno alle 16,30. Era da solo in casa, stando a quanto riferiscono i militari che adesso hanno avviato indagini per risalire all'identità delle due ragazze.

Villa Castelli, stazione carabinieri

Al momento hanno raccolto la testimomianza dell'uomo, partendo dagli abiti indossati. Le giovani avrebbero bussato alla sua abitazione, che si trova al piano strada. Una volta che l'uomo ha aperto la porta, sono entrate. "Una delle due si è subito denudata davanti allo sbigottito pensionato offrendogli prestazioni sessuali dietro modesto compenso", riferiscono in una nota stampa i carabinieri. "L'uomo, stupefatto dalla situazione che si  stava profilando, non si è fatto irretire.  Ha declinato l'offerta nonostante le ripetute insistenze della donna che, unitamente all'amica che nel frattempo si aggirava per l'appartamento, è stata invitata dall'uomo con non poche difficoltà ad abbandonare la casa".

Non è escluso che le due donne con lo stratagemma escogitato avevano in animo di depredare l'abitazione del pensionato. L'uomo si è dimostrato determinato nelle sue decisioni e ha spintonato le due fuori. Costrette, a quel punto, a fuggire.

"Il  suggerimento pratico che si ricava dalla vicenda, è di diffidare sempre e comunque da chi si presenta alla nostra porta con fare ammaliante prospettando facili emozioni", ripetono dal Comando provinciale dei carabinieri di Brindisi. "Lo stesso vale per chi comunica la falsa vincita di un concorso, oppure la riscossione di un premio e chiede  un versamento in denaro, oppure proposte di aderire a false iniziative benefiche, o ancora richieste di aiuto in favore di familiari in presunta difficoltà. Il consiglio dell'Arma dei Carabinieri è di dubitare e di non far accedere in casa le persone che non si conoscono nonostante la loro insistenza,  e in caso di difficoltà contattare con tempestività il numero di pronto intervento 112".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentano di offrire prestazioni sessuali a un pensionato: lui le respinge

BrindisiReport è in caricamento