menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tentata estorsione in carcere: nuovi guai per un giovane detenuto

Insieme ad altri due detenuti ha intimato ad un detenuto il pagamento immediato di 500 euro e di 200 euro mensili

SAN PIETRO VERNOTICO - Tentata estorsione nei confronti di un detenuto nel carcere di Brindisi. Nuovi guai per Giorgio Candita di San Pietro Vernotico, Roberto Petruzzelli di Massafra ed Eligio De Felice di Grottaglie, già detenuti rispettivamente nella case circondariali di Turi (Ba), Lecce e Matera. Nella mattinata di oggi sono stati raggiunti da una ordinanza applicativa di misura cautelare personale in carcere eseguita dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Brindisi.  

In particolare, 18 febbraio 2020 fu sequestrata all’interno del carcere di Brindisi, dalla Polizia Penitenziaria, una missiva nella quale Roberto Petruzzelli tramite Giorgio Candita, intimava ad un detenuto il pagamento immediato di 500 euro e di 200 euro mensili, “altrimenti sarebbero sorti seri problemi durante la sua permanenza carceraria a Brindisi”.

L’attività di indagine ha permesso poi di accertare che: la grafia della lettera sequestrata e dei fogli relativi anche a precedenti richieste fatte dal Petruzzelli durante la detenzione a Brindisi, era la stessa;

dopo la prima lettera minacciosa, la vittima era stata avvicinata durante “l’ora d’aria” dal detenuto Eligio De Felice , che, avendo incontrato Petruzzelli  durante un processo nei giorni precedenti, gli “ricordava” nuovamente di adempiere alle richieste estorsive inviate attraverso Candita.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

E' Anna Lucia Matarrelli la nuova comandante della polizia locale

Attualità

San Sebastiano, riconoscimento all'ex comandante Pietro Goduto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento