Insofferente ai domiciliari, evade per l'ennesima volta: arrestato

Il 47enne Cosimo Valerio Marcellino sorpreso dai carabinieri in un luogo in cui non poteva recarsi. Terzo arresto simile da marzo 2018

CELLIINO SAN MARCO – Nuovo arresto per evasione, il terzo dal marzo 2018, a carico del 47enne Cosimo Valerio Marcellin, domiciliato a Novoli (Lecce), dove era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

L’uomo è stato rintracciato dai carabinieri della stazione di Cellino San Marco in un luogo in cui non era autorizzato a recarsi. Marcellino, dopo le formalità di rito, ha accusato un forte dolore al petto. Per questo è stato visitato da personale medico del 118 e ricoverato presso il locale Pronto soccorso, dal quale è stato dimesso e successivamente condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari. 

Il 47enne era stato arrestato recentemente dai carabinieri di Lecce a seguito di una rapina effettuata nel giugno scorso a Cavallino a un parrucchiere. Insieme ad un complice era entrato all’interno dell’attività e sotto la minaccia di una pistola, si era fatto consegnare l’incasso dal parrucchiere, rapinando contestualmente le clienti presenti, fuggendo a bordo di uno scooter, per poi essere rintracciato e arrestato.

Lo scorso anno era stato arrestato sempre per evasione, due volte nel giro di due giorni, mentre era sottoposto alla detenzione domiciliare per un cumulo pene per alcune rapine commesse nelle province di Brindisi e Lecce nonché spaccio di sostanze stupefacenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba, centro commerciale Le Colonne: il 15 dicembre apertura anticipata

  • Bomba: le direttive sull'evacuazione e l'elenco aggiornato delle vie

  • Bombe, Torino: evacuati in 10mila. Il 15 dicembre toccherà ai brindisini

  • Bomba, per l'evacuazione 300 brandine nelle scuole. Previsti colazione e pranzo

  • Estate in Sicilia dall'Aeroporto del Salento con voli settimanali

  • Minaccia collega per un pagamento: denunciato imprenditore

Torna su
BrindisiReport è in caricamento