Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Centro Storico / Viale Regina Margherita

Tir selvaggi nel centro storico: danneggiato un lampione di viale Regina Margherita

I mezzi pensanti continuano a essere una piaga per il centro storico. Pare sia stato un autocarro, infatti, a danneggiare seriamente uno dei lampioni installati in viale Regina Margherita, di fronte alla residenza del prefetto, in occasione dei lavori di restyling del lungomare. Si presume che l'urto fra il veicolo e il lampione si avvenuto nel corso della notte

BRINDISI – I mezzi pensanti continuano a essere una piaga per il centro storico. Pare sia stato un autocarro, infatti, a danneggiare seriamente uno dei lampioni installati in viale Regina Margherita, di fronte alla residenza del prefetto, in occasione dei lavori di restyling del lungomare. Si presume che l’urto fra il veicolo e il lampione si avvenuto nel corso della notte.

Stamani una pattuglia di vigili urbani si è recata sul posto per monitorare l’operazione di ripristino del corpo illuminante, eseguita dalla ditta Energeko. Il responsabile del danneggiamento potrebbe essere individuato grazie alle immagini riprese dalle numerose telecamere presenti in zona, al vaglio in queste ore della polizia municipale.

Da quanto si apprende in una nota stampa del comandante dei vigili urbani, Teodoro Nigro, un episodio analogo si era già verificato la scorsa settimana. Anche in quel caso, con ogni probabilità, ad agire è stato un autotrasportatore che nel corso della notte, approfittando dell’assenza di controlli, ha violato la zona a traffico limitato.

L’accesso a viale Regina Margherita è infatti consentito solo ai mezzi di carico e scarico e ai veicoli del residenti. Ma gli effetti deleteri del passaggio degli autocarri sono tangibili anche in corso Garibaldi, le cui basole, come documentato in altri articoli, versano in condizioni disastrose. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tir selvaggi nel centro storico: danneggiato un lampione di viale Regina Margherita

BrindisiReport è in caricamento