menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controlli a tappeto dei carabinieri: due arresti e sequestro di 3 chili di hashish

Dopo l’atto intimidatorio nei confronti di un maresciallo della stazione dei carabinieri di Torchiarolo, verificatosi dopo un grosso sequestro di armi da guerra (al momento non vi sarebbero elementi che collegano i due episodi) il paese è stato messo sotto assedio da parte delle forze dell’ordine

TORCHIAROLO – Dopo l’atto intimidatorio nei confronti di un maresciallo della stazione dei carabinieri di Torchiarolo, verificatosi dopo un grosso sequestro di armi da guerra (al momento non vi sarebbero elementi che collegano i due episodi) il paese è stato messo sotto assedio da parte delle forze dell’ordine. E i risultati non sono tardati ad arrivare: due persone sono finite in manette perché trovate con tre chili di hashish. Si tratta di Giovanni Manzari 54 anni di Surbo (Le) e Denis Ahmetovic 20 anni, albanese residente a Campi Salentina. Sono accusati di trasporto di sostanze stupefacenti e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.hashish-3

Da sabato scorso, quando un grosso petardo fatto esplodere sull’auto del militare durante l’orario di servizio che ne ha distrutto il parabrezza, tutto il territorio di Torchiarolo è stato passato al setaccio con controlli, perquisizioni a tappeto e posti di blocco.  Il servizio, disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Brindisi, diretto dal colonnello Nicola Conforti, è stato operato con l’ausilio dell’11° Battaglione Carabinieri “Puglia” di stanza a Bari e ha riguardato anche le zone limitrofe e i paesi confinanti con Torchiarolo. Nella sola giornata di ieri sono state controllate 3 sale giochi, denunciata in stato di libertà una persona trovata in possesso di armi improprie del genere proibito, controllati 52 veicoli e 84 persone, elevate 32 contravvenzioni al codice della strada.

L’arresto dei due leccesi è scattato dopo un breve inseguimento, tra i due e una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile (al comando del tenente Luca Colombari) della compagnia di Brindisi, diretta dal capitano Luca Morrone, lungo la strada statale 613 che collega Brindisi a Lecce. Una Fiat Punto che procedeva a forte velocità in direzione sud ha insospettito i militari che sono riusciti a fermarla. Da un attento controllo sono stati rinvenuti, occultati sotto un sedile, 6 “panetti” di hashish per 3 chili complessivi, nonché un coltello a serramanico, il tutto sottoposto a sequestro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento