rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca Torchiarolo

Nuovo tentativo di salvataggio per il ginepro nel mirino dei vandali

Il ginepro coccolone, l'albero simbolo della marina di Lido Presepe è tornato a guardare il mare dall'alto della falesia, dopo che ignoti nei giorni sorsi hanno rubato i ponteggi che lo sorreggevano, installati, a loro volta, dopo che qualcuno un anno e mezzo fa ne aveva segato il tronco

LIDO PRESEPE - Il ginepro coccolone, l’albero simbolo della marina di Lido Presepe è tornato a guardare il mare dall’alto della falesia, dopo che ignoti nei giorni sorsi hanno rubato i ponteggi che lo sorreggevano, installati, a loro volta, dopo che qualcuno un anno e mezzo fa ne aveva segato il tronco. Una storia infinita, una vera e propria lotta tra chi vuole mantenerlo in vita e chi non ha alcun rispetto per la natura e le bellezze della Terra. Questa mattina grazie all’interessamento di un vivaista di Torchiarolo e dell’amministrazione comunale è stato nuovamente rimesso in piedi. Per la terza volta in un anno e mezzo. 

L’intervento è durato poco più di un’ora, l’albero è stato dotato di nuovi ponteggi, questa volta di legno, meno resistenti ma almeno meno allettanti per i ladri del ferro. Si ritiene infatti che chi per ben due volte in un anno ha rubato i sostegni metallici che sorreggevano l’albero simbolo della marina di Lido Presepe lo abbia fatto per recuperare materiale da riciclare nel mercato del ferro vecchio. Non si spiegherebbe diversamente un gesto di quel genere nei confronti della Natura. Si tratta di un albero che regna nella piccola località a sud di Brindisi da oltre 70 anni. Ha fatto da sfondo a migliaia di fotografie di cittadini e turisti anche ad album matrimoniali. È negli aneddoti e nei ricordi di gente di tutte le età. A marzo dell’anno scorso, però, qualcuno inspiegabilmente, ha tentato di cambiare il suo destino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo tentativo di salvataggio per il ginepro nel mirino dei vandali

BrindisiReport è in caricamento