Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca Torchiarolo

Un intero comune mobilitato contro i tagli degli ulivi: anche gli studenti in piazza

Torchiarolo continua a gridare no agli abbattimenti degli ulivi: oggi, lunedì 19 ottobre, gli studenti di scuole medie e dell’infanzia accompagnati da genitori e nonni, oltre che da agricoltori e cittadini di tutte le età, si sono riuniti in piazza Castello a manifestare. Mobilitazioni anche a Cellino San Marco

TORCHIAROLO – Torchiarolo continua a gridare no agli abbattimenti degli ulivi: oggi, lunedì 19 ottobre, gli studenti di scuole medie e dell’infanzia accompagnati da genitori e nonni, oltre che da agricoltori e cittadini di tutte le età, si sono riuniti in piazza Castello a manifestare. Le intenzioni erano quelle di invadere, ancora una volta, i campi colpiti dai decreti di abbattimento ma poi quando è stato accertato che nella mattinata non ci sarebbero state eradicazioni gli scolari sono entrati a scuola, anche chi non aveva la cartella appresso. comitato a cellino san marco1-2

Anche Cellino San Marco è nato un movimento a difesa degli ulivi: per tutta la giornata di ieri il comitato “Difendiamo gli ulivi di Cellino San Marco”, costituito pochi giorni prima, ha presidiato piazza Aldo Moro fornendo indicazioni e informazioni su Xylella e piano Silletti ad agricoltori e cittadini che potrebbero ricevere decreti di abbattimento.

La piazza nel pomeriggio si è riempita di agricoltori e cittadini, in 600 hanno firmato a favore delle iniziative del comitato che, oltre a informare sull'emergenza Xylella, fornisce tuteta legale gratuita a chi vuole opporsi agli abbattimenti (nella foto a destra). All'alba di oggi i volontari si sono recati nel terreno interessato dagli abbattimenti, in contrada Minichella, dove è prevista l'estirpazione di 3 alberi infetti, di proprietà di un uomo di Villa Baldassarre, Le. Le operazioni di eradicazione però non sono state eseguite. Il terreno in questione confina con le proprietà di Franco Carrisi, fratello del noto cantante Al Bano, e di un fruttivendolo di Cellino San Marco. Entrambi sarebbero contrari alle eradicazioni dei loro uliveti. Secondo le disposizioni del piano Silletti, Torchiarolo, San Pietro e Cellino San Marco, sono considerate zone "cuscinetto", pertanto oltre all'abbattimento degli alberi infetti, è prevista l'eradizazione degli ulivi sani presenti nel raggio di 100 metri. Su questo aspetto si stanno battendo i sindaci del Nord Salento che sabato scorso hanno incontrato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano a cui, tra le altre cose, hanno chiesto di rivedere i confini delle aree interessate dal piano. 

tormaresca7-2Sono inziate, invece, nella mattinata di oggi le eradicazioni volontarie nell’azienda agricola Tormaresca, sulla San Pietro-Campo di Mare, in contrada Maime, dove è previsto l’abbattimento di 8 alberi infetti. Un gruppo di manifestanti  è stato fatto allontanare, trattandosi di proprietà privata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un intero comune mobilitato contro i tagli degli ulivi: anche gli studenti in piazza

BrindisiReport è in caricamento