Cronaca Torchiarolo

Vigili in azione nelle marine contro sosta selvaggia e sedie "abusive" sulla strada

"D'estate il codice della strada non va in ferie e anche nelle marine deve essere rispettato, c'è poco da fare". Poche parole, quelle del capo della polizia locale di Torchiarolo per commentante l'intervento nelle marine teso a far rispettare la segnaletica stradale e l'ordinanza comunale che vieta l'occupazione di suolo pubblico

TORCHIAROLO – “D’estate il codice della strada non va in ferie e anche nelle marine deve essere rispettato, c’è poco da fare”. Poche parole, quelle del capo della polizia locale di Torchiarolo Lorenzo Renna per commentante l’intervento degli ultimi giorni nelle marine di Torre San Gennaro e Lendinuso, teso a far rispettare, come ogni anno, la segnaletica stradale e l’ordinanza comunale che vieta l’occupazione di suolo pubblico con sedie e oggetti vari che sta suscitando malcontento tra i villeggianti. Nella mattinata di oggi, giovedì 4 agosto, un agente impegnato a far rimuovere sedie, sgabelli e stendibiancheria, messi davanti alle porte delle case ha quasi rischiato il linciaggio. In molti si sono ribellati alla richiesta di liberare il suolo pubblico per metterlo a disposizione degli automobilisti. Accanto a chi ha la necessità di sedersi vicino casa, all’aria aperta, infatti, c’è anche chi ha l’abitudine di occupare il posto auto per sé o per i propri parenti davanti la propria abitazione. Una condotta tipica nelle marine a sud di Brindisi che da anni le amministrazioni che si sono succedute nel tempo stanno cercando di combattere.

sedie e tavolini fuori san gennaro-2

“La strada è di tutti e tutti devono essere messi nelle condizioni di parcheggiare dove è consentito dal codice della strada, naturalmente dove c’è la necessità di avere la porta di casa libera per problemi di salute o di altro genere si può chiedere il relativo permesso: verranno disegnati degli stalli che vieteranno la sosta alle auto. In tutte le marine, inoltre, verranno disegnati gli appositi posti auto, sempre tenendo conto delle esigenze dei cittadini, si cercherà di lasciare liberi gli usci delle abitazioni”. Torre San Gennaro e Lendinuso sono caratterizzate da abitazioni prive di giardini, molti residenti trascorrono la maggior parte della giornata seduti vicino casa, all’aperto. Anche in comitiva. E spesso anche la biancheria viene fatta asciugare per strada. “Naturalmente non è vietata l’aggregazione tra le persone ma sicuramente non si possono lasciare le sedie per occupare il posto auto per sé o per i parenti”.

stallo abitazione san gennaro-2

Guerra anche al parcheggio selvaggio, da giorni gli uomini della Polizia locale stanno “fotografando” tutte le auto lasciate in sosta nei luoghi non consentiti dal codice della strada “Si stanno verificando situazioni che rendono difficile la circolazione stradale e che mettono a rischio pedoni, ciclisti e gli stessi automobilisti: abbiamo auto in divieto di sosta e a ridosso degli incroci, non si possono più tollerare questi comportamenti, a breve partiranno le multe. Bisogna tutelare l’incolumità di tutti i cittadini e garantire il decoro urbano e il vivere civile, nelle marine sembra che ognuno può fare quello che vuole ma non è così”.

Naturalmente anche l’amministrazione deve fare la sua parte, così come emette l’ordinanza di divieto di occupazione del suolo pubblico deve garantire la pulizia delle strade e gli altri servizi per cui vengono pagate le tasse. Per Torchiarolo è un periodo difficile in fatto di rifiuti urbani, si rischia di non avere più una ditta che si occupa nella raccolta della spazzatura per problemi legati alla gestione degli appalti, ma questo non giustifica strade sporche e piene di sacchetti che provocano cattivi odori e malumore nei villeggianti, specie quando poi viene chiesto di togliere la sedia da vicino casa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili in azione nelle marine contro sosta selvaggia e sedie "abusive" sulla strada

BrindisiReport è in caricamento