Terzo incendio notturno nel canneto rifugio degli storni: si indaga

Intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Ostuni nella serata di ieri, martedì 26 febbraio, a Torre Canne, frazione balneare di Fasano, dove è andato a fuoco il canneto di “Fiume Grande”

Foto da www.gofasano.it

TORRE CANNE (FASANO) – Intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Ostuni nella serata di ieri, martedì 26 febbraio, a Torre Canne, frazione balneare di Fasano, dove è andato a fuoco il canneto di “Fiume Grande”, l’area naturale posta a ridosso della frazione che rientra nel Parco naturale regionale delle Dune Costiere. Si tratta del terzo incendio in meno di due settimane. Il primo risale alla notte tra il 13 e il 14 febbraio e il secondo tra il 15 e il 16 febbraio scorsi.

incendio canneto torre canne terme-2

Il rogo della serata di ieri, che ha visto impegnati i vigili del fuoco per alcune ore, si è sviluppato nella zona a ridosso dello stabilimento balneare, le fiamme hanno sfiorato la struttura ricettiva dove hanno sede le terme. Difficile credere a una causa accidentale, specie se si considerano le basse temperature della stagione, l’orario, notturno, in cui divampano gli incendi e la zona umida.

Una delle ipotesi al vaglio dei carabinieri, che sono stati interpellati in tutti e tre i casi, è la possibilità che gli incendi siano legati alla presenza di milioni di storni che da ottobre a marzo, nelle ore notturne, trovano rifugio nel canneto e nelle aree umide della riserva. Volatili protetti che come è noto arrecano grossi danni all’agricoltura.

I carabinieri della compagnia di Fasano, diretta dal capitano Daniele Boaglio, sono a lavoro, unitamente ai colleghi della Forestale, per fare chiarezza sulla vicenda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Cellino San Marco. Una nuova tenda pneumatica per la Croce Rossa di Puglia

  • Litoranea, scatta sosta selvaggia: parcheggi comunali ignorati

Torna su
BrindisiReport è in caricamento